Francia-Italia Europei 2008


Euro 2008: questa sezione contiene informazioni inerenti la partita “Italia-Francia Europei 2008“.

L’Italia passa ai quarti di Finale Europei 2008

Risultati della partita Italia-Francia Europei 2008

Zurigo (SUI) – Letzigrund
Martedì 17 giugno 2008, ore 20.45

RISULTATO FRANCIA – ITALIA 0-2 (pt 0-1)

25′ Pirlo rig.
62′ De Rossi


Italia-Francia: diretta scritta con aggiornamenti in tempo reale

In questa pagina alle ore 20.45 di martedì 17 giugno 2008 seguite con noi la diretta scritta della partita Francia-Italia; possibilità  di interagire nella diretta scritta!

Formazioni in campo nella partita Italia-Francia Europei 2008

FRANCIA: 4-4-2: Coupet – Clerc, Gallas, Abidal, Evra – Govou (65′ Anelka), Toulalan, Makelele, Ribéry (9′ Nasri, 26′ Boumsong) – Benzema, Henry. CT. Domenech

ITALIA: 4-3-1-2: Buffon – Zambrotta, Panucci, Chiellini, Grosso – Gattuso (82′ Aquilani), De Rossi, Pirlo (55′ Ambrosini) – Perrotta (64′ Camoranesi) – Cassano, Toni. CT. Donadoni

Arbitro: Luboš Michĕl (SVK)
Assistenti: SlyÅ¡ko – Balko (SVK)
Ammoniti: Evra, Pirlo, Chiellini, Govou, Gattuso, Boumsong, Henry
Espulsi: 24′ Abidal
Recuperi: 3′ e 3′

La rosa ufficiale dei convocati della Francia e la rosa ufficiale dei convocati della Italia sono invece note.

Cronaca della partita Italia-Francia Europei 2008

17 giugno 2008 – A volte i miracoli riescono. A volte non sono così lontani come sembrano. A volte un piccolo sentiero può trasformarsi in autostrada.

La Nazionale azzurra batte i vice-campioni del mondo francesi per 2 a 0, gol di Pirlo su rigore al 25′ e raddoppio di De Rossi al 62′ su punizione deviata in porta da Henry, deviazione influente perché spiazza Coupet. Sarà  Italia – Spagna domenica prossima a Vienna. Per come si era messa, tutto ciò è oro colato.

Italia col 4-3-1-2, fuori Camoranesi e Del Piero, dentro Perrotta e Cassano. Francia costretta a rinunciare a Thuram e Vieira, infortunati.

Grande avvio degli Azzurri. Al 4′ Toni inizia la sua sfida personale col gol, sbagliando il bersaglio da ottima posizione. Francia costretta a rinunciare a Ribery, infortunatosi in un contrasto con Zambrotta. L’ala del Bayern Monaco poggia male la caviglia ed è costretto ad uscire, entra Nasri, minuto 9. L’Italia col piglio giusto: Panucci sfiora il gol su incornata da calcio d’angolo al minuto 10, salva Makelele sulla linea a Coupet battuto. Benzema risponde al 15′, ma il suo tiro è strozzato e non dà  alcuna preoccupazione a Gigi Buffon. Al 22′, Pirlo per Perrotta che manca l’aggancio decisivo dal limite dell’area, buona occasione. Al 24′, la svolta: Toni, liberato da solo davanti a Coupet, viene steso da dietro da Abidal, in area di rigore. Penalty ed espulsione del difensore francese del Barcellona. Batte Andrea Pirlo, palla a mezza altezza alla destra di Coupet, spiazzato e battuto. Italia in vantaggio al 25′ e Francia in dieci. Domenech rivede subito la squadra, sostituendo il neo-entrato Nasri con l’ex juventino Boumsong. Ma ora c’è solo Italia. Dal 28′ al 34′ quattro grandi occasioni per il raddoppio azzurro: al 28′ Perrotta, palla indietro per De Rossi che prova il tiro dal limite, tiro alto da ottima posizione. Al 29′, Toni si avvita su un assist di Cassano proveniente dalla destra, palla fuori di pochissimo, gran gesto del centravanti capocannoniere della Bundesliga. Al 30′ grande azione Cassano – Pirlo, palla per Toni che non aggancia di sinistro da invitante posizione. Un minuto dopo, ancora un’occasionissima per l’Italia: azione Grosso – Perrotta, ancora Toni manca l’appuntamento col gol. Sfortunato e impreciso Luca Toni, oggi. L’Italia rifiata per un quarto d’ora, ma in finale di tempo costruisce l’ennesima occasionissima per il raddoppio: palo di Grosso su punizione dai 28 metri, palla che rimbalza sui piedi di Perrotta che viene fermato, con metodi non da educanda, da un difensore francese. Il romanista rimane a terra infortunato ma la squadra di Domenech continua a giocare e Pirlo interviene fallosamente su Benzema, lanciato sulla trequarti azzurra. Ammonizione e squalifica per la prossima, eventuale partita. Finisce la prima frazione, strameritato vantaggio per l’Italia, striminzito nella misura. Francia costretta all’inferiorità  numerica.
Avvio di ripresa, Cassano si muove molto, guadagna molti falli e procura diverse ammonizioni. Giallo a Govou per un fallo sul barese al 47′. Al 50′, Benzema ha l’occasione di riportare i suoi sul giusto binario, ma il pallone vola alto su rinvio sporco di Zambrotta. Al 54′ pesantemente ammonito anche Gattuso per un fallo su Makelele (migliore dei suoi), salterà  anche lui l’eventuale quarto di finale. Al 55′ un boato dagli spalti, settore azzurro: l’Olanda (in formazione ricca di riserve) passa in vantaggio, gol di Huntelaar, gioiello dell’Ajax. Il cielo ora è più sereno, gli spettri rumeni lentamente evaporano come avessero visto le prime luci dell’alba. Pirlo lascia il campo ad Ambrosini, Cassano prova l’assist per Toni, lungo di pochissimo. Al 62′ punizione per l’Italia da 35-40 metri. Sulla palla Daniele De Rossi. Prova il tiro in porta, palla che tocca Henry in barriera, deviazione che spiazza Coupet e palla in rete, raddoppio azzurro! L’Italia controlla la partita col doppio vantaggio, deve solo attendere buone notizie dallo stadio di Berna. Fatica la Francia in dieci, ma ci mette comunque l’anima per raddrizzare una partita incanalatasi sui binari sbagliati. Al 74′ ancora Benzema, stella del Lione, costringe Gigi Buffon a sfoderare tutta la sua classe per deviare – con la punta delle dita – uno straordinario tiro a girare, scagliato dal limite dell’area. Per la Francia non ce n’è più, i centrocampisti azzurri – De Rossi assoluto dominatore su tutti – controllano agevolmente la palla a metà  campo e, anzi, sprecano molto con l’ultimo passaggio. A tre minuti dalla fine giunge la tanto sperata notizia da Berna: l’Olanda raddoppia con Van Persie, Romania eliminata e Italia che raggiunge la squadra di Van Basten ai quarti di finale. Finisce 2-0 per gli Azzurri, vittoria insperata ma ottenuta col cuore e con una prestazione umile ma tecnicamente a grandi livelli. Resta solo il rammarico per aver sprecato tante occasioni, specie con Toni sottoporta. La Francia ritorna amaramente a casa, Domenech non ha saputo trovare le giuste soluzioni per ripetere lo straordinario percorso di Germania 2008. Si sente molto la mancanza di Zidane, ma, si sa, certi campioni nascono una volta ogni 30-40 anni. Ai francesi rimane solo la speranza di un buon gruppo da valorizzare, con delle individualità  di spicco (vedi Nasri e Benzema) che potranno regalare future soddisfazioni ai transalpini. Ma pensiamo agli Azzurri e alla Spagna che ci attende domenica prossima a Vienna. Brutto cliente, ma il cuore azzurro non ha mai fine.

Prossimo turno:
22 giugno, ore 20,45 : Spagna – Italia


ITALIA – FRANCIA : I PRECEDENTI

Nella terza giornata del girone C, si troveranno di fronte, ancora una volta, Italia e Francia. La posta in palio è molto alta ed entrambe avranno voglia di vincere ed eliminare un serio rivale pretendente alla vittoria finale.

La classicissima sfida tra cugini avrà  inizio alle 20.45 di martedì 17 giugno 2008, la partita Francia-Italia Europei 2008 si svolgerà  nello stadio Letzigrund di Zurigo (Svizzera).

Ben trentacinque i precedenti tra le due formazioni. L’Italia è nettamente in vantaggio con diciotto vittorie, otto pareggi e nove sconfitte. Gli Azzurri negli scontri diretti sono andati a segno per ottantaquattrovolte, subendo gol in cinquantaquattro occasioni.

Nel dettaglio, le due squadre hanno dato vita a venticinque amichevoli, a due incontri olimpici, a cinque match giocati nelle fasi finali dei Mondiali, a uno nelle fasi finali degli Europei e a due validi per le qualificazioni europee.

Esordio a Milano nel 1910. Partita stravinta dall’Italia, allenata da Umberto Meazza, per 6-2.

Il primo incontro di una certa rilevanza fu giocato ad Anversa in occasione delle Olimpiadi del 1920. Italia e Francia si affrontarono nel primo turno del girone di qualificazione e i transalpini ebbero la meglio, vincendo per 3-1, passando il turno ma mancando comunque le medaglie.

Otto anni più tardi, ancora un incontro valido per un torneo olimpico: nell’edizione di Amsterdam 1928, l’Italia ebbe la meglio di misura, vincendo 4-3.

Importantissima vittoria per l’Italia quella ottenuta ai Mondiali del ’38, organizzati proprio in Francia. Nei quarti di finale, gli Azzurri, poi vincitori di quell’edizione, batterono i padroni di casa per 3-1.

Ai mondiali di Argentina ’78, le due squadre si incontrarono nella prima giornata dei gironi preliminari. Gli Azzurri di Enzo Bearzot ottennero la vittoria vincendo per 2-1 con reti di Lacombe per i francesi, di Paolo Rossi e Zaccarelli per l’Italia.

Ancora un incontro Mondiale a Messico ’86. A Città  del Messico, Platini e Stopyra siglarono i due gol che permisero alla loro squadra di approdare ai quarti di finale, vinti ai rigori contro il Brasile. In semifinale i francesi però dovettero piegarsi alla Germania Ovest, ottenendo però il terzo posto battendo il Belgio nella finalina di consolazione.

Edizione dei Mondiali di Francia ’98. Nei quarti di finale giocati allo stadio “Saint Denis” di Parigi, i rigori sorrisero ai padroni di casa, spianando ai “Galletti” un’autostrada verso la vittoria finale. La partita si era conclusa sullo 0-0, che non si sbloccò nemmeno ai supplementari. Un rigore di Gigi Di Biagio, stampatosi sulla traversa, eliminò gli Azzurri di Cesare Maldini. Queste le formazioni scese in campo quella sera:

FRANCIA: Barthez, Thuram, Blanc, Desailly, Lizarazu, Karembeu (65′ Henry), Deschamps, Zidane, Petit, Guivarc’h (65′ Trezeguet), Djorkaeff.
ITALIA: Pagliuca, Cannavaro, Bergomi, Costacurta, Maldini, Moriero, D.Baggio (52′ Albertini), Di Biagio, Pessotto (90′ Di Livio), Vieri, Del Piero ( 67′ R.Baggio).

SEQUENZA RIGORI: Zidane gol, R. Baggio gol, Lizarazu parato, Albertini parato, Trezeguet gol, Costacurta gol, Henry gol, Vieri gol, Blanc gol, Di Biagio traversa.

Il 2 luglio 2000 ci fu subito una grossa occasione di rivincita per gli Azzurri, guidati in quell’occasione da Dino Zoff. Finale dei campionati europei a Rotterdam, Italia contro Francia. Un gol di Marco Delvecchio, conservato sino a quindici secondi dalla fine, non impedì ai Bleus di trovare un insperato pareggio con Wiltord e il trionfo col golden gol di David Trezeguet.

Berlino, 9 luglio 2006. Ancora una finalissima, ancora Italia-Francia. In palio la Coppa del Mondo. Dopo 7 minuti dall’avvio, un rigore di Zidane accarezzò la traversa e oltrepassò la linea della porta difesa da Gigi Buffon. Sembrava un segno del destino ma Marco Materazzi con un imperioso colpo di testa, riequilibrò la partita che poi non si sbloccò più fino ai calci di rigore. Ancora una traversa, stavolta benevola, regala il vantaggio agli Azzurri e la quarta stella di campione del mondo. Questi i protagonisti di quella partita:

ITALIA: Buffon, Zambrotta, Cannavaro, Materazzi, Grosso, Pirlo, Gattuso, Camoranesi (85′ Del Piero), Totti (61′ Iaquinta ), Perrotta (61′ De Rossi), Toni.
FRANCIA: Barthez, Sagnol, Thuram, Gallas, Abidal, Vieira (55′ Diarra), Makelele, Ribery (99′ Trezeguet), Zidane, Malouda, Henry (106′ Wiltord).

SEQUENZA RIGORI: Pirlo gol, Wiltord gol, Materazzi gol, Trezeguet traversa, De Rossi gol, Abidal gol, Del Piero gol, Sagnol gol, Grosso gol.

Nel settembre 2006 I francesi batterono gli Azzurri in un incontro valido per le qualificazioni all’Europeo 2008. Due gol di Govou e uno di Henry posero l’ipoteca sulla partita e sulla leadership del girone. Inutile il gol di Alberto Gilardino.

Il ritorno, giocato a Milano nel settembre 2007, si chiuse a reti bianche. Italia e Francia entrambe qualificate ad Austria-Svizzera ’08.

Diversi compagni di club in questa occasione saranno avversari. Patrick Vieira e Marco Materazzi sono compagni nell’Inter, Luca Toni gioca nel Bayern Monaco insieme ai francesi Sagnol e Ribery, Fabio Grosso è tesserato col Lione in cui militano i francesi Boumsong, Benzema, Squillaci, Toulalan e Coupet, Alessandro Gamberini è il centrale della Fiorentina il cui portiere è il francese Frey.

Thuram e Zambrotta non saranno più compagni di squadra nel Barcellona perché quest’ultimo è stato appena tesserato dal Milan.


Scontri precedenti agli Europei 2008

Data
Tipo
Città 
Partita
Ris
15.05.1910
AMI
MILANO
ITALIA-FRANCIA
6-2
09.04.1911
AMI
PARIGI
FRANCIA-ITALIA
2-2
17.03.1912
AMI
TORINO
ITALIA-FRANCIA
3-4
12.01.1913
AMI
PARIGI
FRANCIA-ITALIA
1-0
29.03.1914
AMI
TORINO
ITALIA-FRANCIA
2-0
18.01.1920
AMI
MILANO
ITALIA-FRANCIA
9-4
29.08.1920
OLI
ANVERSA
FRANCIA-ITALIA
3-1
20.02.1921
AMI
MARSIGLIA
FRANCIA-ITALIA
1-2
22.03.1925
AMI
TORINO
ITALIA-FRANCIA
7-0
24.04.1927
AMI
PARIGI
FRANCIA-ITALIA
3-3
29.05.1928
OLI
AMSTERDAM
ITALIA-FRANCIA
4-3
25.01.1931
AMI
BOLOGNA
ITALIA-FRANCIA
5-0
10.04.1932
AMI
PARIGI
FRANCIA-ITALIA
1-2
17.02.1935
AMI
ROMA
ITALIA-FRANCIA
2-1
05.12.1937
AMI
PARIGI
FRANCIA-ITALIA
0-0
12.06.1938
MON
PARIGI
FRANCIA-ITALIA
1-3
04.12.1938
AMI
NAPOLI
ITALIA-FRANCIA
1-0
04.04.1948
AMI
PARIGI
FRANCIA-ITALIA
1-3
03.06.1951
AMI
GENOVA
ITALIA-FRANCIA
4-1
11.04.1954
AMI
PARIGI
FRANCIA-ITALIA
1-3
15.02.1956
AMI
BOLOGNA
ITALIA-FRANCIA
2-0
09.11.1958
AMI
PARIGI
FRANCIA-ITALIA
2-2
05.05.1962
AMI
FIRENZE
ITALIA-FRANCIA
2-1
19.03.1966
AMI
PARIGI
FRANCIA-ITALIA
0-0
08.02.1978
AMI
NAPOLI
ITALIA-FRANCIA
2-2
02.06.1978
MON
MAR DE LA PLATA
ITALIA-FRANCIA
2-1
23.02.1982
AMI
PARIGI
FRANCIA-ITALIA
2-0
17.06.1986
MON
CITTA’ DEL MESSICO
FRANCIA-ITALIA
2-0
16.02.1994
AMI
NAPOLI
ITALIA-FRANCIA
0-1
11.06.1997
AMI
PARIGI
FRANCIA-ITALIA
2-2
03.07.1998
MON
PARIGI
FRANCIA-ITALIA
0-0 (4-3 rig.)
02.07.2000
EUR
ROTTERDAM
FRANCIA-ITALIA
2-1
09.07.2006
MON
BERLINO
ITALIA-FRANCIA
1-1 (6-4 rig.)
06.09.2006
QE
PARIGI
FRANCIA-ITALIA
3-1
08.09.2007
QE
MILANO
ITALIA-FRANCIA
0-0
LEGENDA: QM = QUALIFICAZIONI MONDIALI, AMI = AMICHEVOLE, Q.E. = QUALIFICAZIONI EUROPEI, MON = MONDIALI, EUR = EUROPEI


Segui gli Europei 2008:

Approfondimenti