Zurigo

Zurigo

Situata all’estremità  settentrionale del lago omonimo e sulle due sponde del fiume Limmat, Zurigo è capoluogo del cantone omonimo. Divisa in 12 quartieri (Kreise), è la città  più grande della Svizzera, nonché il maggiore centro commerciale, economico, culturale e soprattutto finanziario della Svizzera. Nel corso della sua storia ha ospitato personaggi celebri come Thomas Mann e James Joyce.

Zurigo: itinerari e luoghi da visitare


La Riva Sinistra

Ad essa si accede attraverso l’Walche-Brucke, il ponte che conduce proprio di fronte alla grande Haupt-Banhoff, la stazione dei treni.

Fraumà¼nster

Fraumà¼nster  - Zurigo

Fraumà¼nster – Zurigo

Sorge sulla riva sinistra del Limmat ed è famosa per le sue pregevoli vetrate realizzate da Marc Chagall nel 1970.

Venne fatta erigere nell’853 dal re Ludovico il Germanico, le cui figlie ne furono le prime badesse; il monastero accoglieva signore della nobiltà  della Germana meridionale. Dal 1524, la Fraumà¼nster è una chiesa parrocchiale ed un luogo di culto di grande influenza.

La chiesa presenta una facciata occidentale neogotica, risalente al 1911; notevoli sono il coro romanico, le navate a transetto e la Marienkappelle, la capella mariana della torre meridionale, che racchiude antichi affreschi.

La Riva Destra

Attraverso il Rathaus-Brucke si accede all’altra sponda del fiume, dove troviamo il Rathaus (il Municipio), una costruzione barocca del 1694/98, edificata sotto la guida del consigliere esperto di costruzioni J.H. Holzhalb.

Rathaus - Zurigo

Rathaus – Zurigo

Viale Bahnhofstrasse

Ha inizio dalla Parade Platz e si estende per oltre un chilometro con i suoi signorili palazzi ottocenteschi, e i moderni edifici sedi di banche e negozi. Insieme alla Rue du Rhà´ne di Ginevra è tra le dieci vie commerciali più care al mondo. Non per niente è chiamata “paradiso dell’oro e dei diamanti”.

La città  vecchia

Si estende fra la Bahnhofsstrasse e il Limmat, con le sue intricate stradine, gli splendidi edifici altomedievali, le botteghe di antiquariato e le caratteristiche osterie.

Grossmà¼nster

Sulla riva destra del Limmat sorge questa cattedrale romano-gotica risalente al 1100, dedicata ai SS. Felice e Regula, patroni di Zurigo.

Secondo la leggenda venne fondata da Carlomagno, la cui statua è collocata sulla torre ovest; è particolarmente importante perché da qui partì la Riforma svizzera tedesca sotto Huldrych Zwingli.

Al monastero era infatti collegata una scuola alla quale Zwingli annesse un’accademia di teologia, la cellula embrionale dell’Università  di Zurigo. La costruzione attuale presenta una struttura a tre navate con tribuna; notevoli sono il chiostro, ricostruito nel 1850, e le porte bronzee di Otto Màºnch.

Sulla riva destra si trova anche la Niederdorfstrasse, la strada dei piaceri proibiti e degli artisti, dei barboni e dei musicanti di strada, che improvvisano spettacoli nelle piazzette.

San Peter - Zurigo

San Peter – Zurigo

Chiesa di St.Peter

È la più vecchia chiesa di Zurigo, infatti anticamente era un castello le cui origini risalgono molto probabilmente al tempo dei Romani. Ancora prima dell’800 re Luigi il Tedesco la donò a due delle sue figlie in occasione della fondazione del Fraumà¼nster. Da notare il campanile tardoromanico-gotico, la navata barocca del 1705/06, e l’orologio che è l’orologio a torre con il quadrante più grande d’Eruopa).

Kunsthaus (museo di belle arti)

Ospita importanti opere artistiche dall’antichità  ad oggi, tra cui quelle degli artisti svizzeri del XVII e XVIII secolo, e in particolare di Johann Heinrich Fà¼ssli. Inoltre conserva collezioni di Manet, Monet, Renoir, Van Gogh, Corinth, Beckmann, Dalì, Picasso e Braque.

Schweizerisches Landemuseum (Museo Nazionale Svizzero)

Costruito nel 1893-1898 da Gustav Gull, accoglie sale sono dedicate all’arte sacra e profana del medioevo e del XV e XVI secolo e sale dedicate all’artigianato del XIX e XX secolo. Notevoli sono la sala del Consiglio di Mellingen e le camere dell’abbazia di Fraumunster di Zurigo, così come le vetrate, gli stemmi e i mobili rinascimentali. Arazzi, dipinti e stufe in maiolica contribuiscono a ricreare interni di case sei-ottocentesche.

Parco civico (Platzpromanade)

Noto anche come Platzspitz, è situato alle spalle del museo e il occupa una stretta lingua di terra delimitata dai fiumi Sihl e Limmat. È di gusto ottocentesco, con statue di uomini illustri e fontane.

Da visitare a Zurigo sono anche il Museo Bellerive, il Giardino Botanico e la Pinacoteca Burle, che ospita tra l’altro opere dei maestri Van Gogh e Picasso.

Zurigo notturna

Zurigo notturna

Zurigo: eventi e folklore

Street-parade.

La festa è celebrata ogni anno verso la metà  di agosto: milioni di giovani partecipano ad una sfilata con i migliori dj del mondo, ballando per le vie della città , e celebrando così per due giorni l’amore, la pace, la libertà  la tolleranza. Per questo la festa è aperta a tutti, al di là  di qualsiasi distinzione di credo religioso, età , nazionalità , orientamento sessuale.

Zurigo: tradizione enogastronomica

La cucina di Zurigo è influenzata dalla tradizione tedesca: per questo la sua cucina si basa soprattutto su gustosi piatti di carne, tra i quali i grandi wà¼rstel con crauti e formaggi. Il piatto più famoso e forse il più prelibato è lo Spezzatino alla zurighese. (http://www.guideurope.eu/web/it/zurigo/cucina.html)

Come in tutta la Svizzera, non mancano le cioccolate e formaggi pregiati. Tra le ricette a base di formaggio, troviamo la “Fondue”, formaggio fuso con vino bianco e la “Raclette”, fette di formaggio fuso accompagnate da patate e sottaceti.

Immagini tratte da:
http://www.guideurope.eu
www.qviaggi.it

Approfondimenti