Vienna, panorama notturno

Vienna, panorama notturno

Vienna si trova nel Nord-Est dell’Austria, a 40 km dal confine con la Slovacchia e a circa 50 km da Bratislava; la città  è attraversata nella sua parte orientale dal Danubio.
Capitale e stato federato dell’Austria, è sede di importanti organizzazioni internazionali tra le quali OPEC, AIEA e ONU.
La città  è composta da 23 distretti (Bezirke) e il centro della città , dichiarato patrimonio dell’umanità  dall’UNESCO, è il primo distretto. Attorno ad esso sono disposti gli altri, secondo una struttura a spirale.

Itinerari e luoghi da visitare

Hofburg

Vienna, Hofburg

Vienna, Hofburg

Il complesso della Hofburg è un palazzo situato nel centro storico; mostra una mescolanza di stili, dal gotico al neoclassico, dal rinascimentale al barocco. Per la sua estensione è una vera e propria città  nella città ; sede fino al 1918 della corte imperiale, si compone di una serie di edifici, piazze, cortili e giardini costruiti attraverso varie modifiche e ristrutturazioni, dalla fine del ‘200 all’inizio del ‘900.
Al suo interno troviamo i Kaiserappartements, ossia gli appartamenti imperiali, con gli appartamenti privati di Francesco Giuseppe e di Sissi, gli appartamenti di Maria Teresa e del figlio Giuseppe II, oggi residenza del Presidente della Repubblica
architettonici che vanno.
Proseguendo, troviamo lo Silberkammer, il museo che ospita l’argenteria e i gioielli di corte, con i quali venivano serviti i pasti degli imperatori, e oggetti in oro e porcellane.
Nella Camera del Tesoro Profano e Sacro si trova la corona del Sacro Romano Impero (962 ca.), la corona dell’imperatore austriaco (1602), il tesoro dei Burgundi (XV sec.), il tesoro dell’ordine del Vello d’Oro, il chiodo della croce che trafisse la mano destra di Gesù e un tempietto con un dente di San Pietro.
La Neue Burg ospita invece il Museo Etnologico, il Museo di Efeso e la sala di lettura della Biblioteca Nazionale. Nella Heldenplatz possiamo ammirare il monumento equestre di Eugenio di Savoia e dell’arciduca Carlo e il monumento in memoria di Mozart.

Castello di Schà¶nbrunn (Schloss Schà¶nbrunn)

Vienna, Castello di Schà¶nbrunn

Vienna, Castello di Schà¶nbrunn

Il castello si trova a Hietzing, nella periferia ovest di Vienna. Venne fatto costruire da Leopoldo I nel 1696, e inizialmente fu la riserva di caccia dell’Imperatore, mentre in seguito, per volere dell’Imperatrice Maria Teresa, venne adibito a residenza. divenne così il simbolo della grande Vienna imperiale, sede della casa imperiale d’Asburgo dal 1730 al 1918. La costruzione attuale è settecentesca, con una severa facciata e interni rococò; all’interno dell’edificio notevoli sono gli arredi, la Gran Galleria, la Sala degli Specchi, la Sala di Elisabetta, in gusto rococò. Il Salone cinese blu mostra invece negli arredi motivi orientaleggianti. la Camera di Napoleone, dove visse e morì all’età  di 21 anni lo sventurato figlio dell’imperatore dei francesi. Il castello è circondato da uno dei parchi più belli d’Europa, nel quale sorge la Gloriette, un punto panoramico per ammirare in una veduta d’insieme la struttura di Schà¶nbrunn e la città  di Vienna. Nel parco si trova anche il Wagenburg, il museo delle carrozze.

Vienna: Karlskirche

(Chiesa di S. Carlo Borromeo)

Vienna, Karlskirche

Vienna, Karlskirche

La chiesa venne fatta costruire per volere dell’imperatore Carlo VI a seguito dell’epidemia di peste che colpì la città , e venne dedicata a San Carlo Borromeo, protettore dei malati di peste. La chiesa, in stile barocco, presenta forme eclettiche e sontuose. Le vicende della cittadinanza viennese durante l’epidemia di peste sono rappresentate nel decoro del frontone. La cupola gigantesca ed il porticato d’ingresso, rivelano un’ispirazione all’arte classica greca e romana. L’interno, riccamente decorato con affreschi e sculture, presenta uno scalone d’ingresso affiancato da due angeli, rappresentati il Vecchio ed il Nuovo Testamento, e un altare maggiore decorato con rilievi in stucco, raffiguranti l’ascensione di San Carlo.

Vienna: Rathaus

Vienna, Rathaus

Vienna, Rathaus

Il palazzo è la sede dell’Assemblea Municipale e Provinciale di Vienna. Costruito tra il 1872 e il 1883, è la più importante costruzione neogotica laica di Vienna. La facciata, dominata da una torre centrale alta 97,9 metri, è caratterizzata da un’alta loggia con balconi e ornamenti a traforo.

Vienna: Prater

Vienna, La ruota panoramica nel Prater

Vienna, La ruota panoramica nel Prater

Il Prater è un grande parco naturale situato tra il Donau (Danubio) e il Donau Kanal; era anticamente una riserva di caccia e fu aperto al pubblico nel tardo Settecento. In esso troviamo una ruota panoramica di 65 metri, la famosa Riesenrad, che venne installata in occasione dell’Esposizione universale del 1896.

Vienna: tradizioni e folklore

Le Wiener Festwochen (Settimane festive di Vienna) vennero istituite nel 1951, per dimostrare che l’ex città  imperiale, pur prostrata dalla guerra, era in grado di rinascere come la grande metropoli d’arte che era sempre stata. Durante..

L’Internationales Musikfest viene invece allestita ogni anno a turno dal Musikverein o dalla Konzerthaus.

Nella seconda metà  di gennaio nella Konzerthaus si celebra il festival di musica antica Resonanzen, e nello stesso periodo, in occasione del carnevale, si celebrano molte feste danzanti che hanno per protagonista il walzer; tra queste, l’Opernball, che si svolge ogni anno l’ultimo giovedì di febbraio presso la Staatsoper. A metà  giugno invece arriva la Regenbogenparade, una festa dedicata a gay, lesbiche e bisessuali, e la Love Parade, con le sue lunghe file di carri e oltre 200.000 partecipanti.

Il Donauinselfest (Festa sull’isola del Danubio) si svolge nella fine di giugno con star della musica, del cabaret e dello sport che si esibiscono su una dozzina di palchi e con specialità  culinarie.

In primavera si hanno poi il festival di musica classica OsterKlang, e poco più tardi, nella Konzerthaus, il Frà¼hlingsfestival (Festival di primavera).

Sempre a novembre si svolgono a Vienna la Kunst- und- Antiquità¤tenmesse (Fiera dell’arte e dell’antiquariato) e nel Museum fur Angewandte Kunst (museo d’arte applicata) la fiera di arte contemporanea, la Kunst Wien.
Infine a dicembre per 3 settimane si festeggia la Mozartfest.

Vienna: tradizione enogastronomica

Nella cucina viennese si fondono sapori e ingredienti attinti da varie tradizioni, da quella boema a quella ungherese, da quella italiana a quella ebraica. È così che nei menù viennesi possiamo trovare ricette come il Gulasch, uno stufato di carne cotta con lardo, o il Tafelspitz, manzo bollito nel brodo, accompagnato da una salsa a base di erba cipollina, patate arrosto, mela o cren.

La Frittatensuppe è invece una frittata tagliata a striscioline e servita in una tazza di brodo caldo-tra i dessert, sono da ricordare il Powidltascherl, fagottino di pasta di patate ripieno di mousse alle prugne e la rinomata Sachertorte, la torta di cioccolato farcita con marmellata di albicocche.

Da non dimenticare i famosi Knà¶del, gnocchi di pane, i Buchteln, dolci di pasta lievitata, e il Liptauer, un formaggio cremoso a base di paprica, burro, erbe aromatiche e cipolle.Vienna è famosa anche per i suoi caffè , (http://www.tuttovienna.info/caffe.html) nei quali bere caffè è un’usanza, secondo la quale esso deve essere bevuto seduti, magari gustandolo insieme ad una fetta di torta.

Immagini tratte da:
http://www.cpf-az.org
http://www.dkimages.com/
http://www.sacred-destinations.com
http://www.circolostivale.it

Approfondimenti