gas consumo

gas consumo



Quella per gas ed energia rappresenta una delle spese che maggiormente gravano sul bilancio economico di una famiglia. I dati resi noti dall‘Autorità per l’energia nel 2008 parlano chiaro: ogni famiglia spende mediamente 1500 euro all’anno per le utenze domestiche di gas ed elettricità , e consuma in media 2700 kWh e 1400 metri cubi di metano annui.
1/3 della spesa deriva dall’illuminazione ed il funzionamento degli elettrodomestici, mentre i 2/3 si riferiscono al consumo di gas per il riscaldamento e per la cucina.

Strategie per ridurre i consumi di gas ed energia: la scelta dell’operatore più conveniente

Ma come fare per ridurre il consumo e la spesa di gas in modo da vedere a fine anno un significativo calo della spesa?
Una prima strada puo’ essere quella di scegliere in modo oculato l’operatore, eventualmente cambiando quello attuale se poco conveniente o solo modificando contratto di erogazione con l’attuale fornitore. Come sappiamo, dopo la liberalizzazione nel settore energia del 2007, ogni famiglia puo’ scegliere autonomamente il proprio fornitore di gas ed energia elettrica, optando verso varie possibilità che si distinguono sia per il prezzo che per le modalità di fornitura.
Alcuni operatori offrono la possibilità di godere di un prezzo dell’energia bloccato per 2-3 anni, altri quella di avere una bolletta unica per gas ed elettricità; altri ancora propongono una formula bioraria di tariffazione o un’erogazione di energia prodotta da fonti di energia rinnovabile. In tutti i casi, sono davvero molti i vantaggi offerti da promozioni e sconti che ciascun operatore offre continuamente per vincere la concorrenza.

Strategie per ridurre i consumi di gas ed energia: evitare gli sprechi di energia in cucina e non solo

L’altro metodo da utilizzare per ottenere un significativo risparmiare sulla bolletta di luce e gas consiste nel ridurre gli sprechi di energia: a questo scopo è utile seguire alcuni consigli ed applicare un certo modello di comportamento.
Un primo accorgimento è spegnere e non semplicemente mettere in “stand-by” gli elettrodomestici nei momenti in cui non li usiamo o chiudere le finestre quando il riscaldamento è in funzione.
E’ invece consigliabile far areare la casa tenendo le finestre aperte anche solo per mezz’ora nelle ore più calde della giornata, per poi chiuderle successivamente.
Ancora meglio sarebbe orientarsi, al momento dell’acquisto, verso elettrodomestici a basso livello di consumo.
In cucina, è consigliabile alternare l’uso del forno a gas con quello di un forno a microonde elettrico quando si tratta di preparare alimenti e cibi preconfezionati.
E’ utile anche sapere che un fornello troppo grande rispetto al diametro della pentola o il posizionamento decentrato della pentola rispetto al fornello provocano un innalzamento della temperatura. Indispensabile è l’uso del coperchio in modo da velocizzare l’innalzamento della temperatura.
E’ importante inoltre sapere che per cuocere la pasta è possibile usare un procedimento che assicura un notevole risparmio di gas.
Dopo aver messo la pasta nell’acqua bollente e raggiunta nuovamente l’ebollizione, è consigliabile spegnere il fornello, coprendo la pentola col coperchio. A tempo di cottura ultimato, si puo’ scolare la pasta, pronta per essere mangiata.