Mondiali Sudafrica 2010


Tabellino e Risultato Olanda Brasile 2-1

Risultato tra Olanda Brasile: 2-1.

Vedi anche i Risultati Mondiali SudAfrica 2010

Leggi anche la Classifica Mondiali SudAfrica 2010

Formazioni in campo Olanda Brasile

Formazioni di Olanda Brasile:

OLANDA (4-2-3-1): Stekelenburg; Van der Wiel, Heitinga, Ooijer, Van Bronckhorst; Van Bommel, De Jong; Robben, Sneijder, Kuyt; Van Persie (85’ Huntelaar). All: Van Marwjik

BRASILE (4-2-3-1): Julio Cesar; Maicon, Lucio, Juan, Bastos (62’ G. Melo); G. Silva, Felipe Melo; Dani Alves, Kakà, Robinho; Luis Fabiano (77’ Nilmar). All: Dunga

Tabellino Olanda-Brasile

MARCATORI: 10’ Robinho, 53’ aut. Melo, 68’ Sneijder

ARBITRO: Yuichi Nichimura (Giappone)

AMMONITI: Van Der Wiel (O), Heitinga (O), Ooijer (O), De Jong (O), Bastos (B)

ESPULSO: Felipe Melo (B)

Leggi anche Giocatori Mondiali SudAfrica 2010

Cronaca Olanda – Brasile Quarti Mondiali 2010

È abbastanza noto che per il Brasile qualsiasi risultato che non sia la finale di un Mondiale rappresenti un fallimento totale: figuriamoci cosa c’è da pensare per questa cocente eliminazione dei verdeoro ai quarti di finale di Sudafrica 2010, dopo aver ricevuto l’etichetta scomoda di principale favorita, pur non avendo espresso un calcio così brillante. Il big match di queste sfide a eliminazione diretta è stato avvincente e ricco di sorprese e non poteva certo accontentare tutte le grandi stelle in campo. L’Olanda torna a disputare una semifinale iridata dopo ben dodici anni, con incredibili chance di tornare alla finale dopo i due disastri del 1974 e 1978, mentre per i sudamericani il Mondiale finisce ancora una volta troppo presto, come quattro anni fa. Le due formazioni si presentano in maniera piuttosto speculare, con Dunga che propone Felipe Melo e Gilberto Silva per coprire il “buco” lasciato dalla mancanza di Ramires. Gli orange sono invece nella loro formazione tipo, con i soliti Robben, Kuyt e Sneijder a supporto di Van Persie. La giornata era cominciata benissimo per i Pentacampeao. In effetti, già dopo soli dieci minuti ecco che il risultato si sblocca in favore del Brasile, con Felipe Melo che lancia in profondità Robinho, il taglio sorprende i centrali olandesi e la scattante punta brucia sul tempo Stekelenburg, insaccando con un bel rasoterra a girare. È un vero choc per gli uomini di Van Marwijk, i quali rischiano più volte di affondare completamente: il possesso palla è appannaggio dei sudamericani, padroni del campo, Robben e Sneijder non riescono a trovare spazio e le occasioni fioccano solo da una parte. Gli uomini di Dunga si esaltano e “rischiano” di raddoppiare in molti frangenti, come al 25’, quando Juan alza troppo il tiro sopra la traversa, e al 31’ con il portiere olandese che dimostra tutto il proprio valore respingendo con classe un ottimo tiro di Kakà destinato altrimenti all’incrocio dei pali. La stessa grande risposta avviene anche a pochi minuti dal termine del primo tempo, con Maicon che spaventa tutta la difesa degli europei.

Nel secondo tempo deve avvenire qualcosa che scuota la partita, altrimenti gli arancioni torneranno subito a casa. E in effetti, qualcosa avviene: al 53’ Sneijder pennella un delizioso cross, Julio Cesar e Felipe Melo la combinano grossa, il pallone carambola sulla testa del centrocampista e si insacca per il più clamoroso degli autogol. Il pareggio galvanizza stavolta gli olandesi e la partita diventa emozionante. Le azioni di rimessa dei Tulipani diventano via via più pericolose e la vera svolta del match giunge al 68’: da un corner Robben crossa al centro dell’area, la sfera viene deviata Kuyt e poi è il solito Sneijder a realizzare di testa il 2-1 per un tripudio incredibile. I brasiliano reagiscono male e nervosamente, a farne le spese è Melo, espulso per una vera sciocchezza, dopo aver letteralmente passeggiato su Robben a terra. L’inferiorità numerica è un’ulteriore mazzata, le occasioni che trovano i verdeoro sono molto casuali e il gioco è piuttosto confuso, tanto che l’Olanda potrebbe anche realizzare il 3-1, prima con Van Persie e poi con Huntelaar. Kakà e compagni tornano mestamente a casa, l’Olanda avrà ora l’Uruguay come ultima e inaspettata rivale prima dell’attesa finale mondiale: stavolta come non mai il traguardo può essere raggiunto.

QUARTI di finale Olanda Brasile Mondiali 2010

La partita Olanda Brasile è valida per i quarti di finale dei Mondiali 2010.

Approfondimenti