Franchising

Franchising

Il franchising e il franchisee

Il franchising è un tipo di rapporto di collaborazione che lega tra loro un’impresa ‘affiliante’, o “franchisor”, e più imprenditori ‘affiliati’, o franchisee. Questa formula commerciale prevede che il primo dei due termini del rapporto di collaborazione conceda al secondo il diritto di ricevere ed utilizzare il proprio marchio, ricevendo in cambio un compenso.
Quello del franchising è attualmente oggi il sistema di sviluppo aziendale più diffuso in tutti i Paesi con un sistema economico moderno, compresa l’Italia.
A determinare il suo successo è il risultato che consente di ottenere alle aziende con spiccate aspettative di sviluppo: la costituzione e il veloce ampliamento di un’ efficace rete uniforme di vendita dei propri prodotti con investimenti limitati.

Il franchisor: attività, competenze e requisiti

Il Franchisee è l’esercente di un negozio in franchising, cioè il gestore o il proprietario di un punto vendita del marchio in franchising, legato da un rapporto contrattuale con un’impresa commerciale.
Il franchisee è responsabile della gestione completa del punto vendita in franchising, nel rispetto della politica commerciale e delle direttive impartite dall’impresa affiliante: si occupa quindi della selezione e gestione del personale così come dell’allestimento degli spazi e della presentazione dei prodotti.
Tra i suoi compiti rientrano inoltre l’organizzazione delle campagne promozionali e la gestione degli aspetti finanziari ed amministrativi, tra cui la stima dei budget annuali.
Le competenze del franchisee comprendono perciò la conoscenza dei principali elementi di scienze economiche e gestionali, delle tecniche di bilancio e di budget, delle nuove disposizioni in materia di affiliazione commerciale e delle norme che regolano la sicurezza sui luoghi di lavoro.
Indispensabile inoltre la conoscenza di una o più lingue straniere e dei principali strumenti informatici.
Tra i requisiti personali, citiamo la capacità di iniziativa, la resistenza allo stress, l’autonomia decisionale, la capacità di negoziazione e, più in generale, la predisposizione alle relazioni interpersonali.
Il franchisee interagisce infatti quotidianamente non solo con la clientela del punto vendita da lui gestito, ma anche con tutta le figure professionali che ruotano attorno all’azienda titolare del marchio( capi area, figure di controllo, dirigenti del marketing ).

Franchisee: il percorso formativo offerto dalle aziende come McDonald’s

Il percorso formativo per arrivare a svolgere la professione di esercente di punto vendita in franchising viene di solito organizzato e proposto dalle stesse imprese affilianti.
Così avviene ad esempio per la catena di fast-food McDonald’s, che sottopone gli aspiranti franchisee ad un processo di selezione ed eventuale consecutivo colloquio con il Franchising Manager e con 3 dirigenti di McDonald’s. Superate queste fasi, si accede alla formazione, un periodo di training di massimo 12 mesi svolto dal candidato presso un ristorante vicino al suo luogo di residenza.

Franchisee: le prospettive di crescita e carriera

Il Franchisee può giungere a gestire più punti vendita, tutti in affiliazione alla stessa catena di franchising.