_CTS_coupe_5

Cadillac, l’avessero sentita nominare i nostri padri non avrebbero avuto nessuna sorpresa nel ritenerla un’auto destinata ad avere un successo strepitoso, ma oggi i tempi per la Cadillac, ma soprattutto per la sua controllante General Motors, sono mutati, addirittura precipitati, ne deriva che al solo sentir nominare il nome Cadillac si rischia di restare perplessi a proposito dei destini futuri che il tempo riserverà a questo marchio. Ed invece le cose non staranno per nulla così!

La Cadillac CTS Coupè, inaugurerà infatti il nuovo corso storico del glorioso marchio del passato, assistito in questo dalla consapevolezza che il marchio General Motors, cui appartiene Cadilac, risorgerà sulle sue stesse ceneri ed il primo passo saliente nel risalire la china sarà proprio rappresentato da questo innovativo e sicuramente interessante nuovo modello.

_CTS_coupe_04

Avremo modo di conoscere al meglio la Cadillac CTS Coupè al prossimo Salone di Los Angeles alla cui apertura ci separa non più di una settimana ed in quella sede apprezzeremo ciò che adesso riusciamo soltanto a cogliere dalle prime immagini che riguardano la vettura nella sua globalità. Innanzitutto le dimensioni sempre generose del modello che da sempre vanta l’imponenza delle sue linee, in passato addirittura eccessive e che adesso invece riesce a mediare con quelle di una grande coupè, quale di fatto  si tratta e nella consapevolezza che gli sforzi dei progettisti si sono concentrati nel rendere compatta e quanto mai sportiva la vettura, nonostante le linee a volte dure, amplificate dalle spigolature che non passano di certo inosservate guardando l’auto soprattutto nella tre quarti posteriore.

Ma bisogna tornare a credere che si stia parlando di una sportiva e questo lo si evince al meglio sbirciando la disposizione dell’abitacolo all’interno dell’auto, una soluzione data dal 2+2 posti che denuncia chiaramente come Cadillac si sia orientata nel massimizzare al meglio gli spazi interni, per’altro gli stessi della berlina cui la CTS deriva, ricorrendo ad  una volumetria interna che andasse maggiormente in direzione della veste sportiva che la coupè intende esprimere.

E, poiché, di una sportiva si parla, non possiamo al contempo non tener conto del generosissimo propulsore di cui la CTS Coupè si dota, un poderoso sei cilindri di ben 3,6 litri di cilindrata iniezione diretta in grado di sprigionare la prorompenza dei suoi 304 cavalli di potenza per una vettura che si offre alla sua clientela in due distinte soluzioni, ovvero con la trazione integrale o con quella a sole due ruote motrici, in questo caso posteriori.

Ma non è finita qui, occhio a quanto potrebbe avvenire a metà del prossimo 2010, anno del debutto della Cadillac CTS Coupè, la quale potrebbe essere anche prevista con una variante ancora più “cattiva”; in questo caso potremmo anche far la conoscenza con uno strepitoso propulsore a 8 cilindri di ben 556 cavalli di potenza, un motore che non ci viene nuovo, perché conosciuto al meglio quando è stato impiegato sulla berlina, ma che su una coupè, come di fatto è la CTS, potrebbe davvero fare mirabilie. Insomma, i tempi bui la Cadillac potrebbe esserseli lasciati alle spalle, come alle spalle è destinata a lasciare la miriade di competitors che tentano di farle una  concorrenza spietata.

CTS_coupe_02