Dall’Hell Factor al Tele-factor

I giudici se ne lavano le mani, mandano i cantanti al limbo ed i panni di Lucifero li veste il pubblico. Fuor di metafora, la prima puntata dell’Hell Factor, quarta effettiva di X Factor 2012, vede protagonista il televoto. Entrambe le eliminazioni infatti vengono decretate dal meccanismo del Tilt, in voga dalla scorsa edizione ma mai utilizzato quest’anno. A lasciare la gara sono le Donatella, uscite sconfitte dal ballottaggio della prima manche con Yendry, e Romina Falconi, che s’è dovuta arrendere al televoto di fronte a Daniele Coletta. Scelte sostanzialmente condivisibili ma di certo le valutazioni dei giudici possono suscitare qualche discussione. E’ sembrato infatti trattarsi di scelte politiche, per non dire strategiche, forse dettate dalle polemiche suscitate settimana scorsa dopo l’esclusione di Alessandro Mahmoud e forse, chissà, tese anche a fidelizzare ulteriormente il pubblico da casa, peraltro sempre più numeroso e coinvolto da una gara che si fa emozionante, tesa e soprattutto spettacolare e qualitativa.

La serataccia di Arisa

Il tema forte del quarto live infatti è che le due squadre più forti, quella di Morgan e quella di Elio, si sono ribadite superiori alle altre, nonostante il primo stop subito dal Pirata con l’eliminazione di Romina mentre Arisa è rimasta solo con i Frères Chaos. E proprio la cantante lucana è stata, come settimana scorsa, la grande protagonista della puntata: dopo averla aperta con una magistrale interpretazione di Meraviglioso amore mio, l’ultimo singolo della sua sempre più convincente carriera, Ari ha confermato tutte le difficoltà già note nell’entrare nei panni del quarto giudice. Eccessiva infatti la sua reazione scomposta all’eliminazione delle Donatella, certo non scandalosa, così come pittoresche sono sembrate alcune sue uscite: dal paragone tra Romina e Shivaree fino all’ardito proclama che vede le Donatella come eredi di Kylie Minogue e di Madonna. Evitiamo qualsiasi commento, e comunque Arisa ha assicurato che la stessa Minogue ha pronto un pezzo per le gemelle modenesi. Saremmo curiosi di ascoltarlo e comunque l’uscita di scena delle giovani e belle ex Provs Destination non può suscitare troppi rimpianti: il tentativo di estremizzare il lato estetico e sexy è fallito e nella serata in cui erano due cantanti a dover lasciare il programma era inevitabile che il loro percorso subisse uno stop. Diverso il caso di Romina, il cui percorso si è confermato contraddittorio: dopo essersi lamentata di tanti pezzi rock, saluta la compagnia nel giorno del suo debutto in italiano e con una canzone italiana anni ’70, la conferma che il suo percorso non era stato inquadrato alla perfezione da Morgan, visto che, al momento del ballottaggio, la ragazza si era comportata molto bene in Beautiful di Christina Aguilera.

In gara rimangono i migliori

Comunque il dato inequivocabile è che la qualità rimasta è molto alta. Le migliori interpretazioni della serata sono state però di due cantanti del gruppo di Morgan. Esaltante Chiara in un’inedita versione tango di The final countdown, che invece che trash si è dimostrata garbata ed esaltata dalla classe della cantante padovana mentre trascinate è stata la prova di Ics che ha rappizzato quanto basta Der Kommissar mostrando però anche tanto altro. La sensazione è che per entrambi il futuro nella musica ad alto livello sia già certo, così come le prime due posizioni ad X Factor 6. A rischio quindi, già a partire dalla prossima puntata, ancora con due eliminazioni, sembra il gruppo delle Under Donna, ancora al completo: molti vedono pericolante la posizione di Yendry, che ha già passato due ballottaggi, ma a noi sembra sempre più convincente. Indiscutibili anche le doti di Cixi e Nice ma, soprattutto quest’ultima, è sempre troppo uguale a sé stessa. Settimana prossima, intanto, un’eliminazione sarà decisa solo dal pubblico. Come, di fatto, è successo già questa sera…