X Factor 6: la clamorosa rinuncia di Mara Sottocornola

La squadra è pronta. Dopo quattro puntate di selezioni, bootcamp ed home visit i giudici di X Factor hanno reso noto le proprie scelte. Ecco i nomi dei dodici cantanti che saliranno sul palco a partire da giovedì 18 ottobre per la sesta edizione del talent musicale di Sky Uno. Come sempre le scelte sono state sofferte e per i giudici comunicare il “no” ai tre eliminati arrivati ad un passo dal sogno è stato davvero difficile: e come sempre qualche scelta può aver fatto discutere. Ma prima di entrare nel merito delle quattro categorie non si può non soffermarsi sul fatto clamoroso che ha preceduto gli home visit: la rinuncia di Mara Sottocornola. La 26enne cantante di Sondrio che aveva incantato il pubblico in sale durante le audizioni con una straordinaria interpretazione di Dancing per poi confermare tutte le sue qualità ai bootcamp ha deciso di non presentarsi per gli home visit del gruppo Over che il giudice Morgan aveva fissato a Parma. Mara aveva già fatto emergere qualche perplessità ai bootcamp: “Mi sento un pesce fuor d’acqua” aveva detto dopo essersi accorta che lo show televisivo con i suoi tempi e le sue leggi non erano quanto cercava. La programmazione di Sky ha parlato genericamente di “altre scelte” ma il fatto fa comunque rumore. In realtà Mara ha capito di essere più portata per la musica lirica avendo infatti scelto di seguire un’apposita scuola di canto. “Ho iniziato a studiare lirica da 4 anni e mezzo e nonostante sia un genere nato in Italia, all’estero è più apprezzato – ha dichiarato a Il Giornale di Sondrio – Spero che il mio futuro sia qui con una carriera nella lirica: sono disposta anche a lasciare l’Italia”. Rimangono molti dubbi perché di certo Mara sapeva che X Factor cerca altri tipi di talenti. Se ne riparlerà. Ma vediamo alle scelte dei quattro giudici.

Under Donne

Elio ed il suo vocal coach Alberto Tafuri hanno effettuato gli home visit in una sfarzosa villa poco distante da Milano. Cixi, al secolo Eleonora Bosio, è stata la prima cantante scelta da Elio: la 16enne di Chieri ha convinto Elio nonostante la giovane età grazie ad una potenza musicale davvero interessante e promettente. Con lei dentro anche l’altra torinese Noemi Lucco Borlera mentre non ce l’hanno fatta Marta Pedoni e la marchigiana Lucrezia Rossetti: quest’ultima, pur in possesso di buone potenzialità, si è fatta tradire ancora una volta dall’emozione deludendo alla prova finale nella difficile Goodnight moon di Shivaree, pezzo cult di fine anni ‘90. L’ultimo posto era in palio tra Gaya Misraghi e Yendry Fiorentino: l’indecisione è stata massima al punto che Elio ha chiesto alle due giovani cantanti di esibirsi all’istante in un pezzo a cappella, che ha spazzato via gli ultimi dubbi regalando meritatamente a Yendry l’ultimo posto utile per il Teatro della Luna. La 19enne di Santo Domingo potrebbe essere la carta vincente di Elio: intonazione ed un timbro musicale raro e ricercato le doti che potrebbero portarla lontano.

Under Uomini

Ambientazione tipicamente estiva invece per Simona Ventura e la sua vocal coach Paola Folli: la Costa Smeralda. Qui i ragazzi trai 16 ed i 24 anni hanno conosciuto il loro destino dopo essersi esibiti in un brano a scelta: il primo sì è toccato a Daniele Coletta, che ha convinto le sue giudici grazie ad un’interpretazione pulita e potente di I Can ’t stand the Rain. Nulla da fare invece per Carmelo Veneziano Broccia: L’amore si odia di Noemi non era il brano adatto per lui. Assenso sofferto per Davide Merlini. Il 18enne operaio caldaista vicentino è stato duramente stroncato da Super Simo: “Oggi ci hai deluso, mi aspettavo molto di più da te. Il mondo della musica ha bisogno di professionisti, tu vieni da un altro mondo” le parole usate dal giudice che però alla fine ha scommesso sull’esplosività canora di Davide, in verità poco convincente in Tracce di te. Dopo il no a Francesco Vecchio l’ultimo posto se lo sono giocati Nicola Liotta e Alessandro Mahmoud, anche qui con un brano a cappella: quest’ultimo, tradito dall’emozione, ha sbagliato scelta del brano (Marzo di Giorgia) ed approccio alla canzone spianando la strada al 18enne romano. Rimane comunque forte il dubbio che la squadra sia parsa molto più forte durante le audizioni.

Over

L’Auditorium Paganini di Parma, città per eccellenza della musica, ha ospitato le scelte di Morgan e del suo nuovo vocal coach Gaetano Cappa che ha sostituito Diego Calvetti. Con le scelte ridotte a cinque cantanti per il Pirata è stato più semplice dire solo due no che sono toccati a Didier Caria (da dimenticare la sua Senza fine) e, un po’ a sorpresa, anche a Michele Grandinetti, il cantante calabrese con alle spalle tanti dischi venduti in Thailandia venuto però meno al momento decisivo. Fuori discussione la qualità di Chiara Galiazzo, ce l’ha fatta anche Romina Falconi ma forse, senza offesa, è stata agevolata dalla rinuncia di Mara Sottocoronola. Discorso a parte merita Morgan Ics, al secolo Alessandro Grandinetti: il 29enne rapper bolognese rappresenterà l’attrattiva di quest’edizione. “Sono un rapper che non si accontenta di essere un rapper” è il suo motto: niente di nuovo visto che il senso di incompletezza di chi pratica l’hip hop è vecchio quanto il mondo. La curiosità è sapere se Morgan Ics possa davvero trasformarsi in un vero cantante. Lo sapremo presto.

Gruppi Vocali

Arisa ed il suo nuovo vocal coach Giuseppe Barbera hanno scelto Blevio, sul Lago di Como, per comunicare le proprie scelte, tese a portare al successo la categoria da sempre meno quotata ad X Factor nonostante la vittoria alla prima edizione. Anche quest’anno l’impresa sarà ai limiti dell’impossibile, come ha fatto più volte capire implicitamente la stessa Arisa. Le scelte poi non sono sembrate sempre logiche: il sì è toccato prima agli Akme ed ai Frères Chaos ma forse solo i primi hanno convinto fino in fondo. Bocciate invece tutte le girl band, dalle Diamond Sisters, versione italiane delle Spice Girls, alle Brutte Abitudini, ma d’altronde presentarsi in sette era equivalso ad una mezza eliminazione. L’ultimo posto è andato a sorpresa alle ex Provs Destination, ora Donatella dopo il cambiamento di nome imposto da Elio: le gemelle modenesi in verità non hanno mai convinto appieno in nessuna esibizione e tanto meno agli home visit con Snow in the Sahara e sono parse musicalmente e localmente meno convincenti rispetto agli Up3Side, ma tant’è e chi lo sa se nella scelta hanno concorso anche motivi prettamente estetici e televisivi.

Si parte: ecco i nostri favoriti

La squadra quindi è pronta: Noemi Lucco Borlera, Cixi, Yendry Fiorentino, Daniele Coletta, Nicola Liotta, Davide Merlini, Romina Falconi, Chiara Galiazzo, Morgan Ics, Akme, Frères Chaos e Provs Destination. Tra questi tre si nasconde il vincitore di X Factor 6 ed una potenziale pop star. Di fenomeni non se ne intravedono, l’unica che c’era ha rinunciato in partenza. Ma se dobbiamo fare tre nomi per il podio ci sbilanciamo subito, tanto non sbaglia solo chi non ci prova: Chiara Galiazzo, Yendry Fiorentino e Morgan Ics. Il 6 dicembre sapremo la verità intanto giovedì prossimo si comincia: ospite della prima puntata sarà Robbie Williams.