Venaria Reale: luoghi da visitare, itinerari

Venaria e la Reggia

Venaria e la Reggia



Situato in provincia di Torino, Venaria Reale è un comune di circa 30.000 abitanti.

Il toponimo è legato alla riserva di caccia di Carlo Emanuele II che qui si trovava.

Venaria offre al turista la possibilità di effettuare affascinanti itinerari sia a carattere storico che naturalistico: qui si trovano infatti due spettacolari complessi ex-residenze della famiglia sabauda, come la nota reggia di Venaria Reale e gli Appartamenti Reali di Borgo Castello. Entrambi sono situati all’interno del Parco regionale La Mandria, uno dei primi istituiti in Italia e noto per la presenza al suo interno di zone di foresta planiziale.

Venaria Reale, itinerari e luoghi da visitare

Reggia di Venaria Reale

Reggia di Venaria Reale, facciata

Reggia di Venaria Reale, facciata



La reggia costituisce la più vasta residenza sabauda presente in
Piemonte. Progettata dall’architetto Amedeo di Castellamonte e costruita tra il 1658 e il 1679 per volere del duca Carlo Emanuele II, la Reggia deve il suo nome (dal latino Venatio Regia), all’arte venatoria, di cui il duca era appassionato.

Il complesso, che si estende per circa 80.000 m2, comprende il Borgo Antico di Venaria e il parco La Mandria, disposti in modo tale da tracciare la forma di un collare, più precisamente il Collare dell’Annunziata, lo stesso dello stemma della Casata Sabauda.

E’ proprio dall’edificazione attorno alla Reggia delle case abitate sia dalle persone che lavoravano nella Reggia che da altri cittadini che nacque il comune autonomo di Venaria Reale.

Notevole la facciata della Reggia, principale in intonaco con cornucopie, conchiglie e frutti, affiancata a sinistra da due torrioni ricoperti da tetti in mattonelle di ceramica e collegati da una Gran Galleria.

Reggia di Venaria, interno

Reggia di Venaria, interno



La Fontana del Cervo

La Fontana del Cervo, antistante la facciata della Reggia, è stata inaugurata nel 2008 e prende il nome dalla fontana che occupava in origine la piazza rappresentando una scena di caccia con dodici cani in marmo, attorno ad un cervo in bronzo. L’attuale Fontana del Cervo ha una forma ellittica ad essa conferita da 192 ugelli. Moltissimi gli spettacolari effetti atmosferici, sonori, di luce ed acqua consentiti da un avanzato sistema elettronico.

Reggia di Venaria, Fontana del Cervo

Reggia di Venaria, Fontana del Cervo



Giardini Reali

I Giardini Reali, sottoposti tutt’ora ad una opera di ristrutturazione iniziata quasi dieci anni fa, occupano una superficie di circa 80 ettari, destinata ad ampliarsi. Tra boschi e frutteti si possono visitare importanti siti come i resti della Fontana d’Ercole, le fondamenta del Tempio di Diana e le sculture di Giuseppe Penone.

Reggia di Venaria, Giardini Reali

Reggia di Venaria, Giardini Reali



Borgo antico    

Noto come Borgo Antico, il Centro Storico di Venaria ha le sue origini nel XVII secolo, quando venne progettato da Amedeo di Castellamonte come zona di congiunzione tra il borgo, centro delle attività artigianali di Venaria, e la Reggia.

Piazza dell’Annunziata
Centro del Borgo Antico, Piazza della SS. Annunziata venne progettata in stile barocco dall’architetto Amedeo di Castellamonte ed è dedicata all’Annunciazione di Maria. Le statue che sovrastano le due colonne al centro della piazza raffigurano rispettivamente l’Angelo Annunziante e la Vergine Annunziata.
La piazza è caratterizzata anche dalla presenza di botteghe artigianali che la rendono fulcro della vita sociale e commerciale del borgo.

Chiesa parrocchiale della Natività di Maria Vergine

Situata in Piazza Annunziata, la chiesa della Natività di Maria Vergine venne costruita
tra il 1664 e il 1671. di essa fa parte anche la costruzione dell’Ospedale civile, la cui facciata è simmetrica a quella della chiesa.

Parco Regionale La Mandria

Costituito parco nel 1978, abbraccia una superficie di 6800 ettari.

Il nome del parco deriva dall’allevamento di cavalli per le scuderie della Reggia voluto da Vittorio Amedeo II.

Divenuto con Vittorio Emanuele II una riserva di caccia privata e residenza periodica della famiglia sabauda,

nell’ 800 il territorio che attualmente forma il Parco divenne possedimento dei Marchesi Medici del Vascello. Le opere di bonifica compiute nel’900 conferirono al Parco la sua attuale fisionomia.

Oltre a costituire luogo di nidificazione degli uccelli di passo e territorio dedicato all’allevamento di razze di cavalli in via d’estinzione, il Parco La Mandria ospita al suo interno molte specie di animali che vivono allo stato brado, tra cui cervi e cinghiali.

Chiesa di Sant’Uberto

Situata a fianco della reggia, la chiesa di Sant’Uberto venne progettata in stile barocco dall’architetto Filippo Juvarra ed edificata per volere di Vittorio Amedeo II di Savoia tra il 1716 e il 1729.

E’ dedicata a Sant’Uberto, il santo protettore dei cacciatori vissuto in età medievale.

All’interno notevole l’altare in marmo in stile barocco e il trompe l’oeil di Giovanni Antonio Galliari che riproduce con un affresco la cupola mancante.

Venaria Reale, eventi e folklore

Si chiama Diademi e gioielli reali l’importante evento che si svolge a Venaria Reale dal 26 Giugno al 31 Dicembre.

La mostra, ospitata in una delle sale della Reggia di Venaria, valorizza il gioiello come simbolo della vita di corte.

L’esposizione comprende non solo una vasta gamma di gioielli, dai diademi alle spille, tutti di proprietà dei reali della famiglia Savoia, ma anche gioielli civili.

Riferimenti esterni:

Sito Venaria Reale
Sito Comune Venaria Reale


Author: Damiano Silvestroni

Amministratore, moderatore e ideatore di sdamy.com

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *