USA:un diciannovenne si suicida in diretta web


Si è suicidato a 19 anni, in diretta web. E’ accaduto a Broward County, in Florida: Abraham K. Biggs, un diciannovenne statunitense, si è suicidato davanti alla webcam in funzione, quella del suo canale personale sul popolare sito americano di video streaming live Justin Tv
.

1500 persone, che in quel momento erano connesse e guardavano il canale di Abraham, hanno assistito al tragico accadimento in streaming; credendo fosse tutta una recita, un gioco messo in scena dal ragazzo, lo hanno incitato e provocato quando ha minacciato di togliersi la vita assumendo pillole e ha invitato gli altri utenti a rimanere connessi per assistere alla scena.

E invece era tutto vero: il ragazzo ha ingerito un cocktail letale di farmaci mostrandosi alla webcam.

Uno dei membri del forum frequentato dal ragazzo, vedendo Abraham immobile sul letto, avrebbe chiamato la polizia, ma i soccorsi sono giunti troppo tardi, un’ora dopo: quando polizia e medici hanno fatto irruzione nella sua camera, il giovane era già morto.

Nella stanza, la web cam era sempre in funzione.

Non potrò mai migliorare, amo una ragazza ma non sarò mai abbastanza per lei“: queste le ultime parole del ragazzo, scritte poco prima della morte in un post lasciato sulla stessa community. In chat avrebbe confessato alle persone che si trovavano online di sentirsi un fallito per aver ferito le persone a lui care.

Qualche giorno fa, Abraham K. Biggs aveva postato sul forum bodybuilding una nota in cui parlava delle droge che avrebbe assunto per suicidarsi. Nessuno dei lettori del forum gli aveva però creduto.

Immagine tratta da: repubblica.it