Trani è una località turistica pugliese di 53.650 abitanti situata a pochi km da Bari.

Secondo una credenza tradizionale il nome della città (Tirenum o Turenum nel IV secolo) deriva da Tirreno, figlio di Diomede, eroe della mitologia greca, ritenuto il fondatore della città.

Trani è conosciuta per il porto, uno tra i porti internazionali di alto livello per la nautica da diporto.

Trani, panorama

Trani, panorama



Cenni storici su Trani

Come testimoniamo importanti ritrovamenti archeologici la città era abitata già in età preistorica.

Notizie più certe attestano l’assoggettamento di Trani all’autorità romana fino alla fine dell’Impero Romano d’Occidente.
Nel IX sec. la città divenne sede della Cattedra Vescovile; in seguito fu oggetto di invasioni da parte di popolazioni greche e normanne.

Fu proprio sotto la dominazione dei Normanni e degli Svevi, durata circa due secoli, che Trani conobbe un periodo di forte sviluppo sia in campo economico e commerciale che culturale. Da un lato la città divenne infatti fulcro dei traffici commerciali che si svolgevano tra il Medio Oriente e le altre regioni italiane; dall’altro vennero in questo periodo storico costruiti alcuni dei più importanti monumenti di Trani.

Dopo la dominazione veneziana, la città passò sotto il dominio degli spagnoli, che la resero un importante centro di vita politica e culturale.

Nel XIX sec. Trani divenne sede della Gran Corte Civile.

Itinerari e luoghi da visitare a Trani

La Cattedrale

Duomo di Trani

Duomo di Trani



Eretto in stile romanico tra il 100 e il 1100, il Duomo di Trani è situato in un’ampia piazza affacciata sul mare.

La costruzione è contraddistinta dal colore rosa chiaro, dovuto al materiale, il tufo calcareo estratto dalla pietra delle cave di Trani.

Notevoli, nella facciata, il portale maggiore e il rosone circondato da mensole.

L’interno, a tre navate, presenta coppie di colonne che reggono archi a tutto sesto.

Il castello svevo

Il castello svevo

Il castello svevo




Lungo la costa, affacciato sul mare e a breve distanza dalla cattedrale romanica, sorge il Castello Svevo.

Eretto nel XIII secolo, intorno al 1233, sui resti di una fortificazione normanna, il castello di Trani fu voluto dagli Aragonesi come luogo di avvistamento e baluardo di difesa militare.

La costruzione attuale, circondata da un ampio fossato, e collegata alla piazza da un ponte di pietra, presenta una pianta rettangolare nella quale spiccano torri angolari.

Di recente sono state aperte al pubblico le sale abitate in passato dai membri della dinastia degli Svevi.

Il Museo diocesano

Situato al fianco della Cattedrale, il Museo diocesano merita una visita per la Pinacoteca, la Sala di arredi sacri e delle ceramiche funerarie che ospita al suo interno.

Tra i reperti più importanti che è qui possibile ammirare, ricordiamo il Lapidario con i reperti lapidei provenienti dalle chiese di Trani, l’Altarolo d’avorio e la Croce in lamina d’oro.

Centro storico

Centro storico



Tradizione enogastronomica a Trani

Quella di Trani è una cucina povera, nella quale spiccano prodotti tipici come le olive santagostino o le mandorle.

Tra i primi, ricordiamo le note
orecchiette pugliesi
, la tiella di pasta al forno e altre specialità di pasta fatta in casa, come le “chiancarelle” e i “troccoli“.

Tra i secondi non possono mancare sulle tavole i piatti a base di pesce azzurro, crostacei e molluschi, saltati all’olio, gratinati o consumati a crudo.
Rinomata
è la Pepata di cozze, piatto a base di cozze, pomodori, pane casereccio raffermo e peperoncino, così come le seppie ripiene.
Da ricordare anche tutte le specialità di pecorini tra cui la ricotta forte e la cacioricotta.

Tra i contorni troviamo la purea di fave, i fagioli cotti in pignata e la zuppa di ceci e pane raffermo.

Per quanto riguarda i dolci, Trani è rinomata per i tradizionali dolci a base di pasta di mandorla, come le castagnedde, dolcetti a base di mandorle tostate e spezzettate e aromatizzate alla cannella.

Da ricordare anche la Scarcella, dolce pasquale,
e il Vincotto, uno sciroppo ottenuto facendo bollire il mosto, utilizzato come ingrediente di alcuni dolci.

Per quanto riguarda la produzione vinicola, qui si produce il vino tipico locale d.o.c. più rinomato di tutta la Puglia, il Moscato di Trani, un vino le cui varianti sono dolce, naturale e passito. Il Moscato si presta ad accompagnare i dolci a base di mandorle o le macedonie di frutta.

Tra gli altri vini ricordiamo il Castel del Monte Doc (bianco, rosato e rosso) e il Castel del Monte Riserva.

Eventi e folklore a Trani

La Madonna del Carmine è la ricorrenza religiosa dedicata
il 16 luglio alla patrona dei marinai e dei pescatori.

Da non perdere l’Estate Tranese, manifestazione estiva che comprende eventi e spettacoli musicali e teatrali, fiere ed esposizioni enogastronomiche.
Un’altra festa religiosa molto sentita dai tranesi è il Crocifisso di colonna: a Maggio si celebra la sacra icona
che, secondo la tradizione, nel 1480, durante un’incursione saracena, sanguinò dal naso.

Immagini tratte da: http://www.flickr.com

Approfondimenti