Svizzera: divieto alle escursioni dei nudisti sui monti
Svizzera: divieto alle escursioni dei nudisti sui monti


La Svizzera dice basta agli escursionisti nudi in giro per i monti. Se stavate pensando ad una vacanza alternativa e avete sentito parlare di queste escursioni “alternative” sui monti elvetici dovrete cambiare meta.

A quanto pare i compassati Svizzeri sono stanchi di vedere gente in giro in costume adamitico, o meglio, con zaino e scarponcini da trekking ma nient’altro addosso in giro per boschi e valli, prati e sentieri. La polizia l’estate scorsa ha fermato uno di questi escursio-nudisti, ma ha subito dovuto rilasciarlo con tanto di scuse: non esiste una legge che vieta di andarsene in giro nudi per i boschi.

A questo punto i cittadini del cantone di Appenzello Interno, presente il consigliere federale Ueli Maurer, hanno approvato la nuova legge sui delitti perseguiti d’ufficio, già votata dal Gran Consiglio, che introduce la multa di 200 franchi svizzeri (pari a 130 euro) per gli amanti del naturismo in quota.

La misura è stata voluta dopo che la scorsa estate nella regione dell’Alpstein alcuni escursionisti si erano imbattuti in un gruppetto di naturisti. Il Consiglio di Stato ha deciso di intervenire per “proteggere i numerosi bambini che si recano in montagna nella bella stagione”. Secondo il consigliere di Stato Melchior Looser passeggiare nudi è indecente.

Ma tutto il mondo è paese e la Svizzera non è da meno, fatta la legge, c’è chi dice che non è legittima. Secondo il giurista bernese Daniel Kittinger la multa viola il diritto federale: gli escursionisti hanno pieno diritto di andare in montagna nudi. Lui afferma che l’atto di mostrare i genitali è punibile penalmente solo quando è riconducibile ad un carattere sessuale del comportamento. Inserire il cosiddetto “costume adamitico” in un elenco di contravvenzioni, come ha fatto il Gran consiglio di Appenzello Interno a è quindi illegale.

Maggiormente colpiti da questa decisione i turisti tedeschi che avevano nella vicina Svizzera, la meta privilegiata delle loro gite. Ora anche i cantoni vicini potrebbero adeguarsi e decidere per lo stesso provvedimento. Il sito tedesco che promuove le escursioni senza veli, www.nacktwandern.de, descrive invece questo hobby come uno sport che permette un contatto diretto con la natura.

Approfondimenti