Squadra Uruguay Mondiali Sudafrica 2010


Squadra Uruguay ai Mondiali Sudafrica 2010

In questa sezione ci saranno informazioni inerenti la squadra Uruguay, partecipante ai Mondiali Sudafrica 2010. La nazionale Uruguay parteciperà, nel Gruppo A ai mondiali di calcio che si disputeranno in Sudafrica dall’11 giugno 2010 all’11 luglio 2010.


Il Gruppo A è composto dalle squadre: Francia, Messico, Sudafrica e Uruguay.

Uruguay ai Mondiali Sudafrica 2010: CALENDARIO PARTITE

Di seguito il calendario delle partite relative alla squadra – Uruguay dei Mondiali di calcio Sudafrica 2010.

La squadra dell’Uruguay è inserita nel Gruppo A del Mondiale di Calcio Sudafrica 2010. Qui di seguito il calendario del Gruppo A, vedi anche il calendario completo Mondiale Sudafrica 2010:

Data Ora Stadio Partita
Gruppo A
11/06/2010 16:00 Johannesburg Sudafrica – Messico
11/06/2010 20:30 Città del Capo Uruguay – Francia
16/06/2010 20:30 Pretoria Sudafrica – Uruguay
17/06/2010 20:30 Polokwane Francia – Messico
22/06/2010 16:00 Rustenburg Messico – Uruguay
22/06/2010 16:00 Bloemfontein Francia – Sudafrica


Clicca sul nome della partita per vedere la scheda dettagliata.

Squadra dalle forti tradizioni, vogliosa di uscire dalla sua fase calante: l’Uruguay a Sudafrica 2010

Due Mondiali (1930 e 1950), ben quattordici Coppe America (anche se l’ultima è stata conquistata nel 1995), due ori olimpici e un Mundialito: il palmares dell’Uruguay è davvero invidiabile, infatti non si deve dimenticare che si tratta di una delle nazionali campioni del mondo che partecipano a Sudafrica 2010. Ma si tratta di trionfi che appartengono, in gran parte dei casi, a un passato glorioso troppo lontano. L’Uruguay è stata una nazionale tra le più forti agli albori del calcio: il primo Mondiale del 1930, organizzato in casa, venne vinto in scioltezza, grazie a risultati rotondi e inequivocabili.

Il clamoroso bis nel 1950 confermò la tradizione vincente di questa scuola calcistica: nel primo girone, infatti, i sudamericani asfaltarono letteralmente la Bolivia (8-0), per poi dominare anche il girone finale e giungere alla sfida finale, con i favoriti padroni di casa del Brasile, senza nulla da perdere. Dopo il vantaggio carioca, arrivarono gli inattesi gol di Schiaffino e Ghiggia per una vittoria mondiale che si trasformò in una vera e propria tragedia per i tifosi brasiliani. Ma da quel momento, la nazionale Celeste non riuscì più a dimostrarsi degna del suo passato, almeno a livello di Campionati del Mondo: a parte i due quarti posti conquistati nel 1954 e nel 1970, le aspettative vennero puntualmente deluse e addirittura con gli anni Novanta arrivarono delle mancate qualificazioni alla fase finale, segno inequivocabile che il declino era appena cominciato.

Un discorso diverso può essere fatto per la Coppa America: il trofeo venne conquistato praticamente in quasi ogni edizione fino agli anni Cinquanta, poi si riuscì nell’impresa nel 1967, 1983, 1987 e 1995. Quest’ultima vittoria, ottenuta per’altro in casa, rappresenta l’ultimo squillo di tromba della nazionale sudamericana. Se una volta venivano sfornati talenti a dir poco leggendari, col tempo questa tradizione si è pian piano esaurita, ma la Celeste mantiene intatto il proprio orgoglio e la faticosa qualificazione a Sudafrica 2010 rappresenta un importante punto di svolta; dopo i bui anni ’90 e l’assenza a Germania 2006, gli uruguagi sono pronti a vendere cara la pelle e a mostrare che la tendenza può essere finalmente invertita.

Oscar Tabarez, commissario tecnico Uruguay – Mondiali Sudafrica 2010


Oscar Tabarez, ct Uruguay

Oscar Tabarez, ct Uruguay

Oscar Tabarez: un ritorno gradito dopo Italia ’90 per l’ex tecnico di Cagliari e Milan
Il volto di Oscar Washington Tabarez è ben conosciuto in Italia: in molti ricordano infatti il suo nono posto col Cagliari, ma anche il brutto esonero dalla panchina del Milan nel 1996-1997. Prima di allora, Tabarez si era messo in luce per il gioco del suo Penarol e Deportivo Cali, ma anche per l’esperienza ai mondiali di Italia ’90 proprio con l’Uruguay, eliminato poi agli ottavi di finale. Si tratta dunque del secondo Mondiale per il ct uruguagio, pronto a smentire chi ha visto negli ultimi suoi anni un calo della qualità del calcio messo in mostra. Dal 2006 è stato richiamato dalla federazione uruguaiana per guidare la nazionale Celeste: sotto la sua gestione i sudamericani hanno conquistato un importante quarto posto nel corso della Coppa America del 2007, dopo l’eliminazione alle semifinali, e soltanto ai rigori, a vantaggio del Brasile e un’altra sconfitta nella finale di consolazione contro il Messico (3-1 dopo i tempi supplementari). Tabarez ha mostrato comunque di poter meritare questo ruolo e, seppure a fatica, è riuscito a conquistare una fondamentale qualificazione a Sudafrica 2010, dopo un’assenza mondiale di ben otto anni.

Qualificazioni Uruguay – Mondiali Sudafrica 2010

Le qualificazioni dell’Uruguay: quinto posto nel girone e spareggio vincente con la Costa Rica
Altalenante: è questo l’aggettivo che più si addice alle qualificazioni dell’Uruguay a Sudafrica 2010. Gli uomini di Tabarez hanno rischiato più volte di veder sfumare questa possibilità, ma anche di avere l’accesso diretto alla Coppa del Mondo e la classifica finale è una diretta conseguenza di tutto ciò. Come è noto, le prime quattro classificate del girone sudamericano accedono al Mondiale: ebbene, dopo Brasile, Cile e Paraguay, figurano l’Argentina con 28 punti, l’Uruguay con 24, Ecuador e Colombia con 23 e Venezuela con 22. Un quinto posto (valido per lo spareggio con la quarta centroamericana) ottenuto dunque sul filo di lana. Dopo il promettente 5-0 all’esordio con la Bolivia, la Celeste si è un po’ smarrita, conquistando solo due punti nelle altre quattro gare. Il 6-0 ai danni del Perù ha risistemato le cose, insieme alla successiva e preziosa vittoria esterna in Colombia (1-0 a Bogotà). Il 2-0 interno inflitto al Paraguay aveva nuovamente fatto sperare in una qualificazione tranquilla, ma l’Uruguay si è complicato la vita con troppi passaggi a vuoto: lo 0-0 in Cile, il pesante 4-0 subito a Montevideo da un incontenibile Brasile, il 2-2 col Venezuela e la sconfitta 1-0 contro il modesto Perù. Le due vittorie contro Colombia ed Ecuador sono state determinati e la debacle nell’ultima gara con l’Argentina (1-0 a Montevideo) ha soltanto rimandato la qualificazione. Gli uomini di Tabarez hanno dovuto affrontare la Costa Rica nello spareggio mondiale decisivo: dopo l’ottimo 1-0 esterno ottenuto a San Josè (rete di Lugano), è giunto un buon pareggio nel ritorno casalingo (1-1) e il conseguente e sudato accesso a Sudafrica 2010.

Formazione Uruguay – Mondiali Sudafrica 2010

Diego Forlan, giocatore dell'Uruguay

Diego Forlan, giocatore dell'Uruguay

La rosa dell’Uruguay: la grinta di capitan Lugano e i gol di Cavani e Forlan sono una garanzia
Tra i possibili convocati di Tabarez per il Mondiale sudafricano figurano dei nomi davvero interessanti in tutti i reparti. Il ruolo di portiere verrà affidato al laziale Muslera, un esordio disastroso nella nostra serie A, ma ora punto fermo della squadra romana; Castillo e Silva sono le probabili riserve. La difesa si regge sulla grinta e sull’esperienza del capitano della Celeste, Diego Lugano, autore anche di un gol decisivo in Costa Rica; lo juventino Caceres ha forse qualche amnesia di troppo, ma i suoi cross possono risultare preziosi, mentre Godin ricorda il Montero dei vecchi tempi. Il centrocampo non può fare a meno della saggezza e dei gol di Eguren, buon protagonista nelle qualificazioni; Perez è l’uomo più esperto, il napoletano Gargano offre molta quantità in mezzo al campo. L’attacco è infine ben rappresentato da bomber di razza: Forlan ha ormai 31 anni, ma riesce sempre a siglare gol pesanti, Cavani ha colpi purissimi, così come si sta accorgendo anche il Palermo, Abreu sta affinando la sua tecnica nel campionato brasiliano.

Un girone non impossibile per l’Uruguay, ma il derby con l’Argentina è dietro l’angolo

L’Uruguay dovrà fronteggiare la Francia, i padroni di casa del Sudafrica e il Messico nel primo girone: un raggruppamento molto equilibrato che vede la Francia favorita per il primo posto, e gli uruguaiani e messicani in lotta per la seconda piazza. Con gli uomini a disposizione, Tabarez non può non qualificarsi agli ottavi di finale, qualificazione che potrebbe voler dire un agguerrito “derby” con l’Argentina, una sfida tutta sudamericana e dai sapori antichi, forse proprio quello che ci vuole a questa nazionale per risvegliare gli antichi splendori.

Giocatori convocati squadra Uruguay ai Mondiali Sudafrica 2010

Per informazioni inerenti i giocatori convocati della squadra Uruguay, partecipante al Mondiale di calcio Sudafrica 2010, guarda questo articolo:

Convocati formazione Uruguay – Mondiali Sudafrica 2010


Sito ufficiale Nazionale Uruguay Calcio

Mondiali Sudafrica 2010




Segui su sdamy i Mondiali calcio Sud Africa 2010, queste le varie sezioni:

Sito ufficiale FIFA – Mondiali SudAfrica 2010

Approfondimenti