Domus Aurea di Nerone


Si trovava sul colle Palatino la coenatio rotunda voluta da Nerone

E’ stata scoperta casualmente, nel corso di lavori di consolidamento della Vigna Barberini, un’area del colle Palatino di Roma, la ‘coenatio rotunda’, ovvero la sala da pranzo di Nerone il cui movimento, sia di giorno che di notte, imitava quello
della terra.

Una sala di 5 kmquadrati fatta costruire da Nerone per ricreare ‘il mondo in una stanza’

Per la costruzione della sala, Nerone, che desiderava ricreare ‘il mondo in una stanza’, si affidò agli architetti Celere e Severo, che seppero creare
un salone destinato a feste ed eventi mondani ideato per stupire: la sala, estesa per ben 5 kmquadrati, poteva ruotare grazie alla piattaforma di legno poggiata sull’acqua.

La testimonianza di Svetonio

“Abbiamo iniziato a scavare ed abbiamo trovato una poderosa struttura, mai vista prima, che ci fa pensare ad un’aula rotante riconducibile alla sala da pranzo di Nerone» ha spiegato Mariantonietta Tomei, coordinatrice dell’équipe italo-francese che si occupa del lavoro di consolidamento dell’area.

La struttura a pianta circolare rinvenuta sul colle Palatino sembra infatti corrispondere alla descrizione che della sala ruotante viene fatta dallo storico Svetonio nella ‘Vita dei 12 Cesari’girava continuamente, giorno e notte, su se stessa, come il mondo».

La struttura rinvenuta, corrispondente ad una torre a picco sulla Valle del Colosseo, è databile dopo l’incendio del 64 d.C.

Immagine tratta da: http://www.ilsole24ore.com