Harry_ti_presento_Sally

Harry_ti_presento_Sally

San Valentino 2010: incontri sessuali nei bagni del Mildred’s Temple Kitchen di Toronto

Chi non ricorda la famosa scena al ristorante del film “Harry ti presento Sally”?
E’ forse da essa che i gestori del ristorante di Toronto “Mildred’s Temple Kitchen” hanno tratto ispirazione per un’iniziativa che si distingue sicuramente nel panorama di quelle promosse in tutto il mondo per celebrare la festa degli innamorati.

Sesso in ristorante per San Valentino

Le coppie che si recheranno nel ristorante canadese tra il 12 e il 15 febbraio per cenare potranno fare sesso liberamente nelle toilette del ristorante.
Il gestore del noto locale di Toronto, Rory Gallagher, e la proprietaria, Donna Dooher, si sono trovati subito d’accordo nel proporre alle coppie canadesi questo modo trasgressivo e originale di festeggiare il loro San Valentino.
“Nelle nostre toilette sono sempre avvenute cosette a sfondo sessuale, questa volta facciamo un passo in più”, hanno dichiarato all’unisono i due.

Sesso al ristorante: privacy e pulizia in primis

Lo staff del ristorante provvederà a controllare in modo discreto che la privacy delle coppie venga rispettata e che dopo gli incontri i bagni vengano puliti.
Dal canto loro gli enti adibiti alla salvaguardi della sanità in Canada assicurano che l’evento non viola in alcun modo le norme sanitarie comunali, a patto che le coppie non si diano al sesso nelle cucine e che le toilette siano pulite in modo adeguato.

“Sai farlo soltanto a letto?”

L’iniziativa del Mildred’s Temple Kitchen, diffusa dal quotidiano Toronto Star, ha subito riscosso grande successo presso l’opinione pubblica, facendo registrare un’impennata di visite al sito del locale, sul quale è disponibile una panoramica delle foto dei bagni, accompagnata dal provocatorio invito a sperimentare come luogo destinato all’amore soluzioni alternative al tradizionale letto.

Maggiori dettagli li potete trovare sul sito del locale:
Ristorante in Canada: sesso libero al ristorante

Immagine tratta da:
http://upload.wikimedia.org/

Approfondimenti