scegliere lo sport più adatto


Hai deciso di praticare uno sport e vuoi sapere qual è quello pi adatto a te? Fai già dello sport ma vuoi capire se si tratta della scelta giusta? Hai bisogno di dimagrire o rafforzare i muscoli ma non sai da cosa iniziare? Comincia cercando di distinguere gli sport aerobici da quelli anaerobici, questo potrebbe aiutarti a scegliere la strada giusta.

Durante lo sforzo fisico prolungato il corpo utilizza il metabolismo aerobico, mentre in quello intenso e breve quello anaerobico.

Gli sforzi anaerobici, che richiedono sforzi brevi ma molto intensi sono adatti agli under 30. Dopo tale età è bene puntare su attività aerobiche che si possono modulare a seconda dell’età e della preparazione fisica. Le attività aerobiche richiedono uno sforzo non troppo elevato. Possono durare nel tempo, durante l’esecuzione si riesce a respirare normalmente e il cuore batte sempre alla stessa frequenza.

Appartengono a questa categoria la marcia, la corsa di resistenza, lo sci di fondo, il tennis, il nuoto prolungato, la bicicletta in piano, la ciclette, ecc. Per produrre l’energia necessaria alla contrazione muscolare il corpo utilizza il metabolismo aerobico. Per i primi 15 minuti l’organismo attinge alle riserve di zuccheri, dopo di che va ad utilizzare i lipidi depositati, ma quando l’ossigeno non basta più si attinge alle riserve di zuccheri di fegato, reni e muscoli. L’energia però si esaurisce rapidamente e lo sforzo fa aumentare la concentrazione di acido lattico nei muscoli, che provoca un veloce affaticamento muscolare.

Gli sport aerobici sono l’esercizio ideale per bruciare il grasso accumulato e snellire il fisico. Negli sport di resistenza il principale combustibile è rappresentato dai grassi, sempre presenti in grande quantità.

Gli zuccheri
Sono presenti nei muscoli e nel fegato. La carenza di zuccheri si manifesta con il quadro dell’ipoglicemia, che presenta come sintomi l’estremo affaticamento, nausea, obnubilamento e cefalea.

Aerobica ed anaerobica sono entrambe utili, in generale è consigliabile praticare i due tipi di allenamento dedicandosi prima ad una attività dallo sforzo prolungato, poi ad una dallo sforzo intenso. Quando l’attività implica sforzi intensi ma di breve durata (corsa veloce, salti, sollevamento pesi, canotaggio, squash, salto in lungo, corsa sprint….ecc.), l’organismo ha bisogno di una maggior quantità di energia ed ossigeno.

Sport che implicano sia un’attività aerobica che anaerobica sono per esempio calcio, judo, basket, rugby, hockey su ghiaccio o su prato e pallavolo. Naturalmente esercizi di stretching prima e dopo l’attività sportiva sono sempre raccomandabili.

Approfondimenti