Positano, la gemma della costiera amalfitana

Positano è un caratteristico paese situato in provincia di Salerno, lungo la Costiera Amalfitana, chiamato anche “la gemma della costiera” per la struttura urbanistica “a terrazza” che conferisce a Postano l’aspetto di una pietra preziosa. Tipiche sono infatti le colorate case quadrate con il tetto a cupola, incastonate lungo le tantissime scalinate degradanti dalla parte alta del paese fino alla spiaggia, lungo le pendici di due monti che si affacciano su una piccola cala.

Positano

Positano


Positano: cenni storici

Secondo il mito, Positano sarebbe stato il dono d’amore del Dio del mare Poseidone all’amata ninfa Pasitea. Un’altra leggenda narra invece che i marinai a bordo di una nave che trasportava lungo il mar Tirreno un quadro della Madonna, nel tratto di fronte a Positano udirono una voce, proveniente dal quadro della Vergine Maria, che diceva “posa posa”, cioè fermatevi in questo posto.

I Positanesi condussero il quadro della Vergine nella Chiesa, ma al mattino esso fu ritrovato in un campo di ginestre, vicino al mare. In quel luogo gli abitanti del paese dettero inizio alla costruzione di una chiesa dedicata a Maria Assunta.

Secondo un’ipotesi storica invece, il paese sarebbe stato fondato intorno al 915 d.C dagli abitanti di Paestum, che qui si rifugiarono per sfuggire alle invasioni saracene.

Dopo il saccheggio dei pisani nel 1268, vennero edificate mura di protezione, e le case arrampicate lungo la costa. In questo periodo Positano divenne un fiorente centro di traffici marittimi, in concorrenza anche, nel 1500, con Amalfi.

In seguito passò sotto il controllo di alcune signorili famiglie napoletane, e solo alla fine del 1700 tornò città  regia. All’inizio del Novecento, divenne meta di turisti tedeschi, inglesi e americani, e conobbe una continua ascesa economica.

Positano: itinerari e luoghi da visitare

Chiesa Parrocchiale di Positano

Chiesa Parrocchiale di Positano

Chiesa Parrocchiale di Positano

La chiesa di Santa Maria Assunta, situata in piazza Flavio Gioia, è forse il più importante edificio sacro di Positano. Conosciuta dai positanesi anche come Chiesa Madre di Positano o come Chiesa dell’ Assunta, fu edificata attorno al VII secolo da monaci brasiliani. La costruzione attuale presenta una pianta a croce latina con tre navate; caratteristica è la cupola rivestita di maioliche colorate. All’ interno troviamo una famosa icona della cosiddetta Madonna Nera di Positano del XII secolo, sull’altare maggiore, e un bassorilievo raffigurante il Pistrice, un mostro fantastico metà  pesce e metà  drago. Lungo le navate laterali, sono da ammirare le tele che ritraggono San Biagio e l’ Immacolata Concezione.

Nelle vicinanze della Chiesa Parrocchiale si possono ammirare anche il Campanile, risalente al 1707, la Cappella dell’ Oratorio di Positano e il lapidario di Positano.

Ville settecentesche.

L'hotel Palazzo Murat - Positano

L’hotel Palazzo Murat – Positano

Trasformate per lo più in alberghi, le caratteristiche ville di Positano sono comunque affascinanti costruzioni. Tra esse spicca Palazzo Murat, situato lungo la strada che porta al mare, la cui costruzione fu voluta da Gioacchino Murat durante il suo soggiorno in Italia quale re di Napoli.

Sentiero degli Dei

Il Sentiero degli Dei è una spettacolare strada millenaria, l’unica che in passato poneva in collegamento Sorrento e la Penisola Sorrentina con Stabia e Nocera. Inoltre, essa conduceva anche al tempio di Cerere, al tempio di Mitra e al tempio di Minerva (da cui il nome del sentiero).

Oltre ai meravigliosi panorami di cui si può godere lungo il percorso di gradoni scavati nella roccia, esso merita di essere esplorato anche per la rigogliosa vegetazione che lo arricchisce.

Sentiero degli Dei nei pressi di Nocelle - Positano

Sentiero degli Dei nei pressi di Nocelle – Positano

Mete da non perdere sono infine le grotte di Positano e le spiagge.

La Grotta La Porta, la Grotta di Mirabella, la Grotta del Generale, la Grotta di Mezzogiorno sono sicuramente tra le più famose e spettacolari.

Tra le principali spiagge troviamo invece la Spiaggia Grande e Fornillo, raggiungibili a piedi, e La Porta, Arienzo, San Pietro Laureto, raggiungibili via mare.

Al largo di Positano, sorgono gli isolotti Li Galli, o “Sirenuse” , un piccolo arcipelago formato da tre isolotti famosi perché secondo la leggenda furono la dimora scelta da Omero per le Sirene.

Positano: eventi e folklore

Tra i principali eventi tradizionali di Positano, sono da citare le varie feste patronali che si svolgono nella stagione estiva, tra esse cui la Festa della Madonna dell’Assunta (14 e 15 Agosto).

A Positano si svolgono anche importanti manifestazioni culturali, come il premio internazionale per l’arte della danza, e sagre gastronomiche, come la Sagra del Pesce, ad Ottobre, e la Sagra della Zeppola, a Dicembre.

Positano: tradizione enogastronomica

La gastronomia di Positano è molto ricca e fantasiosa. Oltre all’irrinunciabile pizza, troviamo specialità  legate sia alla tradizione marinara che a quella contadina.

Tra i piatti a base di pesce sono da gustare gli spaghetti alle vongole veraci, le zuppe di pesce, gli involtini di pesce spada e le impepate di cozze.

Tra i secondi a base di carne, ricordiamo le mozzarelle arrostite su foglie di limone.

Tra i formaggi, sono rinomati i prelibati formaggi dei Monti Lattari.

Positano, come del resto tutta la costiera, è nota anche per la ricca produzione di limoncello e prodotti alcoolici preparati secondo antiche ricette, come il fragolino e il nocello.

Tra i dolci, da gustare è la babarese, una sfoglia di baba’ farcita con panna e fragoline.

Positano, panorama notturno

Positano, panorama notturno

Immagini tratte da:
www.wikipedia.org
www.villadeimisteri.it
www.palazzomurat.it
www.fotoeweb.it

Approfondimenti