Ponza, panorama

Ponza, panorama



Ponza è un’isola della provincia di Latina, situata al largo del golfo di Gaeta. E’l’isola più estesa dell’arcipelago delle isole Pontine, al quale appartengono anche le isole minori di Gavi, Zannone, Palmarola, Ventotene e Santo Stefano. Il territorio di Ponza comprende le frazioni di Guarini, Giancos, I Conti, Santa Maria, e Campo.

L’isola di Ponza, quasi completamente montuosa, con coste frastagliate e rocciose, è un centro peschereccio e agricolo, meta turistica estiva per le bellissime spiagge che offre e gli splendidi fondali che si prestano a immersioni.

Ponza, panorama notturno

Ponza, panorama notturno



Ponza: cenni storici

Il nome Ponza deriverebbe dal greco Pontos,” posta in mezzo al mare”. Fenici Greci e Romani, furono i popoli che qui si susseguirono con le loro dominazioni.

Omero chiamò l’isola eea, “isola del vento”, da eos, un nome dell’aurora; per Virgilio invece l’isola era la dimora della maga Circe, la quale voleva trattenere qui Ulisse.

Ponza: itinerari e luoghi da visitare

Il porto, con le sue case bianche e rosate, è il fulcro della vita economica e sociale della città . Corso Pisacane rappresenta il nucleo dell’isola, con i suoi edifici storici, tra cui Torre dei Borboni, il Municipio, e la Chiesa della Trinità .

Ponza, case sul porto

Ponza, case sul porto



La Torre fu ricostruita dal 1556 sui ruderi di una precedente costruzione d’epoca romana, per volere di Papa Sisto IV, che voleva dotare l’isola di una struttura militare che la difendesse dagli attacchi dei pirati. Solo molti anni dopo, con Borboni, la Torre assunse l’attuale configurazione.

Attualmente la Torre dei Borboni è sede di un prestigioso hotel.

Superato il caratteristico borgo di S. Maria, con le sue case colorate, si apre l’ampia spiaggia della Baia del Frontone, cui segue, dopo un tratto più roccioso, la Cala del Core, con la sua spiaggia di ciottoli. Ancora più a nord, ecco lo Scoglio del Parroco, cui segue l’inquietante Cala dell’Inferno, così chiamata per la presenza di una nave naufragata.

Spiaggia di Chiaia di Luna

Ponza, Chiaia di Luna

Ponza, Chiaia di Luna



E’ una la lunga spiaggia sabbiosa a cui si accede attraverso un antico tunnel di epoca romana. La particolarità  e il fascino di questa spiaggia deriva dalla parete di tufo bianco a picco sul mare che la circonda, rendendola simile al fondale di un teatro. Anticamente in questa spiaggia si trovava un porto greco.
Da vedere anche la Scogliera e i Faraglioni di Lucia Rosa. I Faraglioni di Lucia Rosa prendono il nome da un fatto realmente accaduto verso la fine del ‘800: Lucia Rosa, vedendo ostacolato il matrimonio con un povero contadino, si suicidò gettandosi dall’alto della parete sugli scogli. Inoltre a largo dei Faraglioni è stato rinvenuto nel 1985 un relitto di nave romana.

Le Forna
è la parte dell’Isola di Ponza in cui sono situate le più belle Calette dell’Isola, raggiungibili via terra. La zona, situata a circa 8 Km da Ponza Porto e a 7 Km da Santa Maria, è raggiungibile attraverso una strada panoramica con vedute su cale, faraglioni e macchia mediterranea. Le Forna è formata da tanti piccoli agglomerati di case che costituiscono varie località , come Capo Feola, Cala d’Inferno, Punta Incenso, Cala dell’Acqua; è una zona molto tranquilla, particolarmente adatta a chi vuole dedicarsi al trekking o a escursioni in barca.

Le Forna

Le Forna



Cala Feola, raggiungibile via terra tramite un sentiero percorribile a piedi, è circondata dalle colline di Capo Bosco e della Montagna della Corte. Qui si trovano molte Case Tartufo, edifici con tetti a cupola dal gusto arabo, intagliati nella roccia tufacea dai primi coloni della Cala.

Cala Feola

Cala Feola



Da vedere anche le altre piccole isole dell’arcipelago: Gavi, Zannone, parco naturale del Circeo, e Palmarola, con le sue spettacolari scogliere e faraglioni.

Ponza: eventi e folklore

A marzo si celebra la Festa di S. Giuseppe con la Zeppolata; ad aprile arriva la gustosa sagra delle fave e del Casatiello, un dolce tipico del posto, fatto con la pasta lievitata di pane e lo strutto. A giugno si festeggia S. Silverio, Patrono della città , con una Processione a mare.
Ad agosto si svolge invece la Sagra del Pesce azzurro.

Ponza: tradizione enogastronomica

La cucina caratteristica di Ponza prevede soprattotto piatti a base di pesce, come aragosta, cernia, dentice e pesce spada, e la coccia del fellone, un granchio marino. I calamari ripieni alla ponzese è un piatto a base di calamari, uova, pinoli, uvetta, parmigiano, aglio e prezzemolo tritato.

La Cianfotta è invece un piatto di verdure, a base di patate, melanzane, peperoni, zucchine. Tra i piatti di terra troviamo le zuppe di lenticchie, il coniglio alla ponzese e le melanzane alla fornese. Rinomate anche le Zeppole di San Giuseppe, preparate in occasione della festa di San Giuseppe.

Ponza di sera

Ponza di sera



Immagini tratte da:
http://flickr.com

Approfondimenti