Roberto


I premi Nobel Dario Fo, Gunter Grass, Orhan Pamuk, Michail Gorbaciov, Desmond Tutu e Rita Levi Montalcini lanciano un appello per proteggere lo scrittore Roberto Saviano.

E la risposta c’è: su Repubblica. it le firmeraccolte a sostegno di Saviano hanno superato quota 180 mila.

Migliaia i comuni, i cittadini e anche gli scrittori, i giornalisti, i politici, i personaggi dello spettacolo che hanno aderito.

Una mobilitazione eccezionale, perché, come l’appello dei premi Nobel dice, “si tratta di un problema di democrazia“.

Roberto Saviano ha risposto al sostegno così caloroso dimostrato alla sua causa con una lettera che è stata pubblicata ieri sul sito di Repubblica, nella quale lo scrittore ha ringraziato tutti coloro che in questi giorni hanno sentito “che il mio dolore era anche il suo dolore “, nelle parole dello stesso Saviano.

Tra le iniziative a sostegno di Saviano, il gruppo Nessuno Tocchi Saviano, composto da 71.000 iscritti, sta raccogliendo adesioni per una lettera al presidente della Repubblica affinchè promuova misure legislative volte a sostenere la lotta contro mafia e camorra.

Commovente l’appello del padre di Saviano, in cui ha chiesto al figlio di non lasciare l’Italia.

In un’intervista rilasciata alla Stampa, l’uomo ha mandato un messaggio al figlio che “non si perdona il fatto di aver coinvolto la famiglia”: “Gli voglio dire di stare tranquillo perché non avrei mai voluto che rinunciasse alla sua battaglia, alla sua arte“.

Intanto le iniziative continuano a moltiplicarsi: dalle letture pubbliche del suo bestseller, a quelle alla Camera.

L’appello sul sito di Repubblica è ancora possibile firmarlo qui.

Approfondimenti