Cocente delusione per l’Italia nella penultima giornata di gare della scherma all’ExCel Centre. Le ragazze della spada infatti sono state clamorosamente eliminate già nei quarti di finale ad opera degli Stati Uniti: il risultato di 45-35 chiarisce al meglio la pessima giornata in cui si sono imbattute Rossella Fiamingo, Mara Navarrìa ed Ilaria Del Carretto ma pure la riserva Nathalie Moellhausen. Un fiasco che arriva pochi giorni dopo quello della prova individuale, con nessuna azzurra nelle semifinali, ma questa volta, anche per merito di un sorteggio particolarmente favorevole, sembravano esserci tutti i presupposti per giocarsi almeno la medaglia di bronzo. Ed invece l’assalto è stato sorprendentemente equilibrato fin dall’inizio con le azzurre incapaci di far valere la loro superiorità: il colpo di grazia è arrivato al sesto assalto quando la Del Carretto ha subito un parziale di 8-3 da Courtney Hurley portando il totale a 30-23. Ed in un’arma come la scherma, dove valgono i colpi doppi, sette stoccate sono di fatto impossibili da recuperare. Così neppure l’ingresso della riserva Moellhausen al posto della Del Carretto ha evitato il tracollo finale. Discutibile forse la scelta di schierare all’ultimo assalto Rossella Fiamingo, la più talentuosa ma anche la più giovane ed inesperta delle quattro spadiste. Ma ormai le chiacchiere stanno a zero: l’ultima carta a disposizione della scherma italiana è il fioretto a squadre maschile nella giornata di domenica. Ed anche i ragazzi hanno qualcosa da farsi perdonare…

Approfondimenti