Prima giornata senza medaglie per l’Italia all’Excel Exhibition Centre di Londra, teatro delle gare di scherma. Le tre spadiste azzurre infatti non sono riuscite a raggiungere la zona podio: piccola delusione ma va detto che nessuna tra Mara Navarrìa, Bianca Del Carretto e Rossella Fiamingo erano accreditate di successo alla vigilia. Navarrìa e Del Carretto si sono fermate già ai sedicesimi mentre Fiamingo si è arresa ai quarti di fronte alla forte cinese Sun, vincitrice per 15-14 alla stoccata supplementare al termine di un assalto memorabile. Le due giovanissime atlete, Fiamingo classe ’91, Sun classe ’92, si sono date battaglia confermandosi due spadiste di grande talento e prospettive: brucia però l’eliminazione della catanese che pur dovendo fronteggiare un’avversaria molto più alta e strutturata fisicamente, non ha saputo far fruttare le due stoccate di vantaggio avute a più riprese nelle prime due manche. All’extra-time la Sun ha goduto della priorità e Rossella ha aspettato troppo a cercare il tutto per tutto, finendo infilata allo scadere. Alle tre ragazze rimane la prova a squadra, in calendario per sabato 4 agosto. Qualche rimpianto anche per la Navarrìa, fermatasi già al secondo turno (12-15) di fronte alla non irresistibile americana Maya Lawrence, poi facilmente sconfitta (15-7) dalla Fiamingo negli ottavi. Grande amarezza infine per la Del Carretto, la più esperta della pattuglia azzurra, cui sfugge ancora una volta l’appuntamento con la medaglia olimpica: la 26enne ligure è stata battuta ai sedicesimi dalla campionessa uscente Heidemann, vincitrice solo 14-13 grazie alla priorità.

Approfondimenti