Prima giornata memorabile per l’Italia alle Olimpiadi di Londra: dopo l’inatteso argento di Luca Tesconi nella pistola 10 m il medagliere azzurro si arricchisce grazie alla squadra maschile di tiro con l’arco in contemporanea con l’impresa di Elisa Di Francisca che rimonta cinque stoccate alla coreana Nam e conquista la finale tutta italiana del fioretto individuale femminile contro la vincente tra Errigo e Vezzali. Michele Frangilli, Mauro Nespoli e Marco Galiazzo hanno infatti vinto il titolo olimpico contro gli Stati Uniti battuti 219-218. Chiara l’affermazione degli azzurri, già vice-campioni a Pechino nel 2008: sempre avanti rispetto agli americani, gli arcieri azzurri, che hanno chiuso in vantaggio 110-106 le prime due voleé, hanno saputo arginare la rimonta degli Usa. I tre americani hanno saputo collezionare cinque dieci nelle ultime dodici frecce ma la freddezza degli azzurri è stata esaltante: decisivo in particolare l’approccio di Michele Frangilli che, all’ultima freccia, dopo il deludente “otto” di Galiazzo, ha piazzato un “dieci” decisivo per chiudere la contesa sul 219-218.

In precedenza l’Italia aveva eliminato il Messico per 217-215. Una rimonta emozionante quella dei tre arcieri azzurri: sempre sotto fin dalla prima voleè, gli italiani hanno messo a segno il sorpasso grazie alle ultime tre frecce grazie a due dieci e ad un nove. Nei quarti l’Italia aveva eliminato Taipei negli ottavi e la Cina.