muse

I fan dei Muse staranno di certo aspettando con grande ansia l’uscita del loro nuovissimo album che, come possiamo leggere qui, pare sia previsto per il 2015.

Possiamo dire che i Muse sono veramente instancabili, non riescono a fermarsi un attimo considerando che il nuovo album è previsto subito dopo l’uscita del cd+dvd, che è acquistabile in tutti i negozi a partire dal 3 dicembre in formato cd+dvd; questo contiene il live dei Muse allo Stadio Olimpico di Roma e sarà anche proiettato al cinema a partire dai primi di novembre. Su YouTube si ha anche la possibilità di vedere in anteprima alcune immagini spettacolari dello show che sono contenute nel dvd.

Ma come mai la band dei Muse ha scelto proprio la loro esibizione nella nostra Capitale?

Lo show romano che si è tenuto quest’estate, è stato, come lo stesso Matt Bellamy ha dichiarato, uno dei loro show migliori o comunque il migliore dell’anno ed è per questo che è anche diventato un dvd tecnologicamente all’avanguardia. Infatti è stato pubblicato in 4k cioè la risoluzione più alta che potesse essere utilizzata per un live poiché permette di vedere dettagli specifici in modo da permettere allo spettatore di vivere il live proprio come se fosse presente, come se stesse vivendo lo show dal vivo.

Dopo la conclusione del tour The second Law, con il quale la fantastica band inglese ha incantato tutti con dando vita ad una serie di spettacoli live che non si erano mai visti prima, i Muse avrebbero finalmente potuto godersi la meritata vacanza ma secondo le dichiarazioni del chitarrista e cantante Bellamy, per il magazine Billboard, hanno immediatamente cominciato a registrare i pezzi nuovi per il prossimo album, per questo è alquanto sicuro che il nuovo album dei Muse, tanto atteso dai fan, sarà disponibile per il 2015 e sarà il settimo da quando la loro carriera ha avuto inizio.

Video, Muse

Video, Muse – Live at iTunes Festival 2012


Per questo settimo album, il leader del gruppo ha dichiarato ancora che a differenza degli ultimi dischi per i quali la band si è allontanata dai veri strumenti musicali concentrandosi per lo più su batterie elettroniche, sintetizzatori ed effetti vari, questa volta si sono concentrati nuovamente sulla musica suonata, riprendendo chitarra, basso e batterie come un tempo. In tal modo il nuovo lavoro risulterà più grezzo ma sicuramente più vero e soprattutto più rock.

I Muse, comunque, negli anni hanno creato uno stile musicale molto eclettico, raccogliendo influenze varie da vari generi musicali quali l’elettronica, il progressive rock, aggiustando il tutto con una vena orchestrale e sinfonica; la maggioranza dei testi delle loro canzoni è stata scritta e arrangiata da Matt Bellamy, il quale ha spesso trattato temi forti, sociali, quali la politica, la religione, la vita, la guerra ed anche temi più particolari come l’universo e gli ufo.

Come sappiamo le loro esibizioni live sono alquanto stravaganti, ma cosa ci si poteva aspettare da una band del genere, così ecclettica come, appunto, lo è la loro musica?

Ovviamente questa band ha ricevuto anche diversi premi importanti come ad esempio un Grammy award, un MTV Europe Music Award, sei Q Awards, due BRIT Awards, un American Music Awards, quattro Kerrang Awards e sei NME Awards.

Tutti questi premi sono stati vinti soprattutto per le loro performance dal vivo; oltre a ciò nel 2008 i tre membri de gruppo hanno ricevuto il dottorato onorario dalla Facoltà di belle arti della Plymouth University.

I Muse si occupano anche di beneficenza, in particolare della ricerca contro le leucemie giovanili, devolvendo fondi all’associazione Teenager Carcer Trust, questo perché non sono attivi solo musicalmente ma si impegnano in maniera eccellente anche per il sociale, un tema che sta molto a cuore alleader del gruppo.

Approfondimenti