test missilistici nord corea

TEST MISSILISTICI 06/7/2006 “Uso della forza contro ingerenze”

Nuovi test missilistici e nessuna possibilità  di farsi intimidire dalle pressioni della comunità  internazionale. Questa la posizione della Nord Corea, che ha minacciato il ricorso alla forza contro le pressioni per impedire a Pyongyang di proseguire il suo programma. Una presa di posizione contro Usa e Giappone. Per il ministero degli Esteri i test missilistici non sono legati allo stallo dei colloqui sul nucleare.

“I test missilistici, che hanno dato buon esito, rientrano nelle normali esercitazioni condotto dai nostri militari per rafforzare le nostre difese”, ha detto un portavoce del governo nordcoreano: “Se qualcuno tentasse di discutere se sia giusto o sbagliato ed esercitasse pressioni, saremmo costretti a prendere iniziative pratiche di diversa natura”.Tuttavia, lo stesso portavoce ha espresso una disponibilità , indipendentemente dai test missilistici, e’ “immutata”, per quanto riguarda il governo di Pyongyang, la disponibilita’ a perseguire attraverso il dialogo e le consultazioni l’obiettivo di liberare la penisola di Corea delle armi nucleari, ha riferito l’agenzia cinese ‘Xinhua’ in una corrispondenza dalla capitale nordcoreana.
 

MINACCIA GIAPPONE 7/7/2006 Razzo usato per test puntato su Hawaii

La Corea del Nord ha chiesto al Giappone di sospendere le sanzioni imposte da Tokyo dopo il lancio missilistico di mercoledì da parte di Pyongyang, minacciando di prendere “provvedimenti più forti” qualora le autorità  nipponiche continuassero con questa linea politica. Intanto, dalle analisi delle traiettorie, si è scoperto che uno dei missili testati in settimana era stato puntato contro le Hawaii (Usa).

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite giovedì ha di nuovo tentato di raggiungere un accordo sulle azioni da intraprendere nei confronti della Corea del Nord. Gli stati membri hanno dovuto fare i conti con l’opposizione di Russia e Cina (due dei cinque stati permanenti con diritto di veto), all’adozione di una risoluzione che contenga sanzioni o richiami vincolanti nei confronti di Pyongyang.

[via tgcom]