Moto GP: Ordine d


Sul circuito di Jerez della Frontera pubblico diviso tra i piloti “di casa” Daniel Pedrosa e Jorge Lorenzo, anche se molti sono gli spagnoli che indossano i colori ed il numero di Valentino e della Yamaha.

I primi tre piloti della classifica (con soli 3 punti di differenza tra il primo e il terzo) si dividono le prime quattro posizioni sulla griglia di partenza. Primo Lorenzo secondo Stoner, con Pedrosa a rompere le uova nel paniere che si è infilato tra i due. Subito dietro Valentino Rossi in quarta posizione. Tutti i piloti hanno fatto la stessa scelta di gomme, tranne i ducatisti che partono con quella più morbida al posteriore.

27 giri che potrebbero confermare un ritrovato Pedrosa, dare ancora più carica a Lorenzo dopo la vittoria in Giappone e la pole qui, o restituirci l’ennesima sfida Rossi-Stoner.

Al via parte meglio Pedrosa che gira davanti a tutti, seguito dalla Ducati di Stoner, da Lorenzo e poi Valentino; dietro, 7° Capirossi, 8° Melandri. Pedrosa e Stoner si sa, non amano la bagarre e cercano la fuga mentre Rossi incalza il compagno di squadra e dopo un paio di tentativi lo supera. Al 3° giro grande rischio per Dovizioso e De Punjet che era andato largo lasciando spazio all’italiano ma lo ha poi stretto in curva. Il sorpasso di Andrea avviene tre giri dopo e gli vale la quinta posizione. Valentino supera Stoner ma l’australiano replica e la lotta sembra favorire la fuga di Pedrosa.

Al giro dopo Valentino affonda e va in caccia dello spagnolo che ha poco più di un secondo di vantaggio. Lorenzo in quarta posizione sembra avere problemi e gira mezzo secondo più piano dei primi. All’11° giro Melandri è 6° in lotta con Colin Edwards, Capirossi 8°.

Valentino guadagna decimi preziosi quasi ad ogni giro, più veloce nei primi tre settori del circuito, più lento dello spagnolo nel quarto. La rimonta si concretizza al 17° giro quando il pesarese arriva a ruota della Honda. Dopo poche curve il compito viene portato a termine, Valentino va in testa con un sorpasso deciso che sembra quasi “facile”.

Lorenzo gira più veloce di Stoner e sembra poterlo raggiungere mentre Valentino allunga. Errore di Lorenzo a 4 giri dalla fine che gli fa perdere decimi preziosi e cade subito dopo una gara mai brillante ma che poteva fruttare punti preziosi.

Valentino vince la prima gara della stagione mentre Stoner guadagna un prezioso terzo posto su una pista che non ha mai amato.

Moto GP: Ordine d’arrivo e classifica Spagna

Moto GP: Ordine d