Moto GP Qatar 2009


Moto GP Qatar 2009

Riparte domenica 12 aprile in Qatar il mondiale di motociclismo. Casey Stoner lancia una nuova sfida a Valentino Rossi, ancora l’uomo da battere. Pedrosa e Lorenzo “outsider” di lusso, senza dimenticare Hyden, e Capirossi deciso a dare del filo da torcere a tutti.

Sono finiti i test pre-mondiale, ora si fa sul serio e si riparte in notturna sul circuito di Losail. Valentino insegue il nono titolo, il settimo nella classe regina, e come sempre non ha nessuna intenzione di stare a guardare anche se nei test di Sepang ha dovuto cedere il passo a Stoner, ma c’è da dire che era menomato dai punti ad una mano ed un piede, causato da un incidente domestico.

Il pilota australiano l’anno scorso ha “tenuto testa” per la prima parte del campionato, poi ha dovuto cedere il passo, tormentato dai problemi al polso e da qualche problemino della desmosedici. Ad ottobre è stato operato, nei test invernali è sempre apparso in gran forma e tra i più veloci. Ha vinto la Bmw Z4 in palio a Jerez nei test Irta. “Non potevo vincere una Bmw, la FIAT non sarebbe stata contenta, così sono andato piano” ha commentato scherzosamente Valentino.

Rossi e Stoner sotto i riflettori ma dietro di loro una serie di pretendenti al titolo, dall’ex campione del mondo Hayden, al combattivo Pedrosa. Il primo avrà il compito di fare meglio di Marco Melandri e non dovrebbe essere difficile, anche se la moto di Borgo Panigale non è facile da domare, fino ad ora c’è riuscito solo il fenomeno Stoner. Lo spagnolo della Repsol Honda non ha ottenuto grandi risultati nei test invernali, ma è sempre un osso duro in pista anche se fino ad ora gli è mancata la continuità.

Pedrosa a marzo cadendo in Qatar aveva riportato una frattura al braccio e una forte contusione al ginocchio sinistro, che lo costrinsero ad operarsi, ma ha annunciato la sua presenza in Qatar sul suo blog sul sito del team Repsol Honda. Un recupero inaspettato quello dello spagnolo, che 15 giorni fa non era nemmeno in grado di flettere la gamba a 90 gradi, mentre gli altri piloti partecipavano ai test.

Non vanno dimenticati Lorenzo, compagno di squadra di Valentino, che ha già mostrato il suo talento ma l’anno scorso è stato vittima di una serie di cadute, anche con danni fisici, forse a causa della foga di dimostrare il suo valore, a fianco del fenomeno degli ultimi anni. Andrea Dovizioso quest’anno in sella ad una moto ufficiale, potrebbe riservare qualche sorpresa se troverà il giusto feeling con la moto.

Infine Capirossi: alla ventesima stagione da professionista, detentore del record di 282 Gp disputati e tre titoli mondiali, si è ben comportato nei test con la sua Suzuki. Sarà sicuramente al via con la grinta e la generosità agonistica che lo hanno sempre contraddistinto.

Gli esordienti: Nicola Canepa (Ducati Pramac, collaudatore d’esperienza), Mika Kallio ed il giapponese Yuki Takahashi (Ducati Pramac e Honda Scot Racing), terzo e quinto in 250 l’anno scorso.

Curiosità: In Qatar si correrà  in notturna. L’impianto di illuminazione del circuito è costituito da 3.600 lampade da 250, 1500 e 2500 watts alimentate da 13 generatori che producono 5,4 milioni di watts, una potenza in grado di illuminare 70 campi da calcio. Le lampade sono fissate su 1000 pali di lunghezza variabile dai 3 ai 36 metri, uniti da quasi 500 chilometri di cavi e sostenuti da 300.000 chili di cemento.

LA PROGRAMMAZIONE DEL GP DEL QATAR SU ITALIA 1

Venerdì 10 aprile

• Ore 1.00 sintesi prove libere

Sabato 11 aprile

• Ore 22.05 diretta qualifiche classe MotoGP
• Ore 23.05 sintesi qualifiche classe 125
• Ore 23.15 diretta seconda parte qualifiche classe 250

Domenica 12 aprile
• Ore 19.00 diretta gara classe 125
• Ore 20.15 diretta gara classe 250
• Ore 22.00 diretta gara MotoGP

 

Ancora più nutrita la programmazione su PREMIUM MOTO GP digitale terrestre.

Approfondimenti