Brasile - Campione del Mondo 1962

Brasile - Campione del Mondo 1962

Mondiale Cile 1962 – Storia Mondiali Calcio

Dietro l’assegnazione di questo Mondiale a una nazione povera come il Cile ci fu senza dubbio un’abile manovra del Brasile, il quale voleva evitare che l’organizzazione spettasse agli acerrimi nemici argentini. Problemi gestionali non ve ne furono, ma molti arbitri non si comportarono in maniera esemplare. Importante fu soprattutto l’esordio di due nazionali debuttanti, Bulgaria e Colombia, mentre per il resto vi erano le consuete squadre, eccezion fatta per la Francia.

Nel gruppo 1 del Mondiale Cile 1962 vi fu l’eliminazione, un po’ a sorpresa dell’Uruguay, sopravanzato in classifica da Unione Sovietica e da una sempre sorprendente Jugoslavia (spettacolari furono soprattutto il 4-4 tra Urss e Colombia e il 5-0 degli slavi agli stessi sudamericani). Il gruppo 2 era quello dei padroni di casa, ma anche dell’Italia: lo 0-0 iniziale degli azzurri contro la Germania Ovest aveva fatto ben sperare, ma lo scontro nel secondo match con i cileni fu un’autentica disfatta (sconfitta per 2-0, ma le espulsioni di Ferrini e David gridano ancora vendetta). Alla fine furono i tedeschi e i cileni a passare il turno, lasciando solo le briciole a Italia e Svizzera. Il gruppo 3 fu dominato dal Brasile, pur non molto spettacolare: alla Cecoslovacchia bastarono invece tre punti per il secondo posto, relegando Spagna e Messico all’ultimo posto. Infine, molto equilibrio nel gruppo 4, ribattezzato come “girone della morte”: a parte l’esordiente Bulgaria, Ungheria, Inghilterra e Argentina furono in lizza fino all’ultima giornata, con i magiari primi e gli inglesi secondi per la miglior differenza reti.

Ai quarti, l’unica sorpresa, ma non troppo fu quella del Cile: il 2-1 dei padroni di casa all’Urss fu un vero trionfo, per il resto Cecoslovacchia, Brasile e Jugoslavia ebbero la meglio su Ungheria, Inghilterra e Germania Ovest. Il verdetto delle semifinali fu però netto: il Brasile si sbarazzò di un tenace Cile per 4-2, grazie alle doppiette di Garrincha e Vavà, mentre la Cecoslovacchia vinse sì 3-1 contro gli jugoslavi, ma solo nel finale. Il Cile, comunque, suggellò un gran Mondiale casalingo conquistando il terzo posto (1-0 alla Jugoslavia). La finale del Mondiale Cile 1962 tra Brasile e Cecoslovacchia sembrava invece sbilanciata verso i verdeoro: ciò nonostante, gli europei passarono in vantaggio con Masopust, ma i brasiliani erano davvero incontenibili e Amarildo, Zito e Vavà chiusero i conti sul 3-1. Garrincha e Vavà furono i trascinatori dei due volte campioni del mondo con 4 reti a testa.

Video Coppa del mondo 1962 finale Brasile-Cecoslovacchia 3-1 – Storia Mondiali Calcio

video


Le edizioni dei Mondiali – Storia Mondiali di Calcio

Sezione principale “Storia Mondiali Calcio”

Edizione Paese Vincitore Leggi
Gli anni Trenta
1930 Uruguay Uruguay Leggi Uruguay 1930
1934 Italia Italia Leggi Italia 1934
1938 Francia Italia Leggi Francia 1938
Gli anni Cinquanta
1950 Brasile Uruguay Leggi Brasile 1950
1954 Svizzera Germania Leggi Svizzera 1954
1958 Svezia Brasile Leggi Svezia 1958
Gli anni Sessanta
1962 Cile Brasile Leggi Cile 1962
1966 Inghilterra Inghilterra Leggi Inghilterra 1966
Gli anni Settanta
1970 Messico Brasile Leggi Messico 1970
1974 Germania Germania Leggi Germania 1974
1978 Argentina Argentina Leggi Argentina 1978
Gli anni Ottanta
1982 Spagna Italia Leggi Spagna 1982
1986 Messico Argentina Leggi Messico 1986
Gli anni Novanta
1990 Italia Germania Leggi Italia 1990
1994 Stati Uniti Brasile Leggi Stati Uniti 1994
1998 Francia Francia Leggi Francia 1998
Gli anni Duemila
2002 Giappone Brasile Leggi Giappone 2002
2006 Germania Italia Leggi Germania 2006
2010 Sudafrica Leggi Sudafrica 2010


Clicca in corrispondenza della colonna ‘Leggi’ per approfondimenti delle varie edizioni dei mondiali.

Approfondimenti