LA SELEZIONATRICE PAOLA BRESCIANO HA COLPITO ANCORA: LA SUA FABIOLA MILLETARI’ E’ STATA ELETTA “PRIMA MISS DELL’ANNO 2011”

Inizio d’anno in bellezza per la Sicilia. La selezionatrice vincente, Paola Bresciano, ha colpito ancora con il successo della ventitreenne gelese Fabiola Milletarì che è la “Prima Miss dell’Anno 2011” del concorso Miss Italia essendo la più tele votata dagli italiani nel corso della trasmissione “L’anno che verrà” che ha chiuso il 2010 in diretta su Raiuno da Piazzale Fellini di Rimini con la conduzione di Mara Venier e Pino Insegno.

La sempre sorridente Fabiola ha sbaragliato la concorrenza di Carlotta Maggiorana delle Marche, della toscana Laura Dazzi e di Sophia Sergio della Campania, le altre finaliste di questa gara della bellezza che ha inaugurato la 72ma edizione del concorso della famiglia Mirigliani. E’ stata Francesca Testasecca, Miss Italia in carica, a premiare la vincitrice che sarà ammessa direttamente alle prefinali nazionali del concorso. E’ approdata alle selezioni finali di Roma dopo avere superato 34 candidate al casting organizzato all’Hotel Portorais di Carini dalla selezionatrice Paola Bresciano che in lei aveva già notato interessanti qualità sin dall’edizione precedente.

La Bresciano, già Miss Italia 1976, ha azionato il suo classico fiuto. E il risultato è arrivato. –“Sono felicissima.- ha dichiarato. –“Sin dalla scorsa edizione Fabiola mi ha colpito per il suo modo di muoversi, per il suo viso sempre sorridente e per il modo di porsi all’attenzione. E’ una ragazza intelligente ed ha sicuramente talento. Non ho avuto alcun dubbio su di lei. Durante il percorso le sono stata vicina con i miei consigli sostenendola a più non posso. Prima della trasmissione in Rai l’ho rassicurata e le ho trasmesso tanta sicurezza. Sentivo che sarebbe arrivata al successo e all’annuncio di Pino Insegno ho fatto grande festa. Aggiungo così un’altra perla alla mia lunga collana. Ci ho creduto sin dal primo momento.-“ Fabiola è alle stelle. –“ Mi rammarico solamente per non aver potuto ringraziare tramite la Rai la mia selezionatrice che stimo tanto. Avrei voluto gridarle quanto le voglio bene e abbracciarla ma mi toglievano il microfono di bocca. Ad ogni modo avrò motivo di rifarmi in settembre a Salsomaggiore dove esprimerò tutto quello che non ho potuto dire sul palco di Rimini.”- Raggiungi comunque un sogno. –“Certamente. Un sogno inseguito e realizzato. Ho pensato tanto al fidanzato Cristian, sempre vicino, alla nonna, ai genitori e a due miei cuginetti. Alla loro gioia. E naturalmente a quella di tutti gli amici che mi hanno sostenuto e apprezzato. E’ una felicità immensa. La mia grande determinazione ha prevalso. Avevo un progetto ed è andato a buon fine grazie soprattutto al sostegno, ripeto ancora, del cast della signora Bresciano. In settembre a Salsomaggiore si aprirà la vetrina che cercherò di sfruttare nel migliore dei modi. Amo il mondo dello spettacolo e della moda e mi sono messa in testa che devo entrarci. Un’altra mia passione è il cinema, però voglio mettermi alla prova per verificare le reali attitudini alla recitazione. Per ora voglio solo esultare, festeggiare, gridare di gioia e smaltire lo stress.-“

La prima miss del 2011, Fabiola Milletari’, è nata a Caltagirone il 26 agosto 1987 ma vive a Gela. E’ alta 1,70, occhi e capelli castani, segno zodiacale Vergine, studia psicologia presso l’Università di Enna dopo il diploma al Liceo Scientifico. Ha un fratello di 19 anni, Antonino, che studia all’istituto per geometri. Il papà, Franco, ha un negozio di abbigliamento; la mamma, Manuela, è casalinga. La ragazza vive con la nonna Serafina, 70 anni, da quando è morto il nonno, Giuseppe. Si definisce testarda, esuberante e permalosa. Ama chiacchierare e fare shopping. La “Prima Miss dell’Anno ” è un titolo porta fortuna: è stato vinto, tra le altre, da Miriam Leone, un’altra siciliana, diventata Miss Italia e poi conduttrice di programmi tv. Per Fabiola è cominciato un nuovo corso. Paola Bresciano è ripartita col suo infaticabile lavoro alla ricerca di sempre nuove talentuose bellezze. In bocca al lupo a entrambe.

Copyright 2011 ANTONIO INGRASSIA

Approfondimenti