fare sport


Valori troppo bassi di dispendio energetico rendono difficile mantenere il giusto equilibrio tra entrate ed uscite caloriche, di conseguenza il raggiungimento del giusto peso corporeo passa attraverso uno stile di vita fisicamente più attivo, oltre che attraverso il controllo dell’alimentazione.

Per stile di vita fisicamente attivo si deve intendere innanzitutto un comportamento che dia priorità, in tutte le attività quotidiane, all’uso dei propri muscoli. Ad esempio, ogni volta che sia possibile, camminare invece di andare in auto, usare le scale piuttosto che l’ascensore o le scale mobili. A completamento di questo un adulto sano dovrebbe aggiungere, quattro/cinque volte la settimana, un’attività fisica aerobica di almeno quarantacinque minuti, di intensità tale che possa essere mantenuta costante senza il “fiatone”, ma con un impegno cardiaco compreso tra il 60 e il 70% del proprio massimale.

La sensazione deve essere quella di una respirazione appena più frequente e profonda del normale, senza affanno eccessivo. Come capire se si sta superando il limite? Si deve poter parlare con un compagno, o comunque ad alta voce senza grosse difficoltà. Tra le varie attività (il cammino, la corsa, la bicicletta, ecc.) è importante scegliere quella che meglio si adatta alle proprie caratteristiche e gusti. Questa attività deve quindi rientrare nelle nomali abitudini e rappresentare un’esigenza al pari dell’igiene della persona.

Il motivo non è “semplicemente” il dispendio calorico dovuto all’attività in se (ad esempio correre per 30′ fa bruciare 450 Kcal). La ragione più importante per includere l’esercizio fisico nel programma di controllo del peso è l’effetto che questo ha nell’incrementare il metabolismo basale: un esercizio aerobico di intensità moderata ne aumenta il valore e l’incremento può persistere fino a 12 ore dopo l’esercizio.

Quando l’attività fisica viene praticata regolarmente, quest’incremento diventa stabile. Ovvero, un esercizio fisico regolare aumenta stabilmente il nostro fabbisogno calorico complessivo, a tutto vantaggio del bilancio energetico: a parità di calorie ingerite, si dimagrisce.

Valori indicativi del dispendio energetico complessivo per ogni minuto (Kcal/minuto) di alcune attività.

fare sport


Fonte:ADI – Aboca

Approfondimenti