Il naso di Michael Jackson, la vicenda della protesi rubata


Testimoni avrebbero visto la salma del cantante priva del naso finto

Secondo alcuni testimoni, la salma di Michael Jackson, al momento in cui si trovava in obitorio, rivelava la mancanza del naso: al posto della protesi che il cantante portava sempre, era visibile un buco nero con residui di cartilagine intorno.

Un complesso mai risolto e sfociato in numerose operazioni al naso

Michael si portava dietro il complesso del naso grande fin da piccolo: “Big Nose” era il soprannome che gli era stato affibbiato non solo dagli amici, ma anche dal padre.

Dopo i numerosi interventi di chirurgia plastica, tra cui sei rinoplastiche con conseguenze invalidanti per il setto nasale, il cantante aveva dovuto ricorrere alla protesi al naso e anche a eccessive dosi di antidolorifici e anestetici.

I nasi finti per travestirsi

Come ha spiegato l’ex-governante di Michael, Adrian McManus, la pop star possedeva molti nasi falsi alcuni dei quali, sempre a quanto detto dalla governante, erano simili al suo naso vero.

Sembra che Michael li conservasse gelosamente in un contenitore insieme a della colla da truccatori, e li usava all’occorrenza quando desiderava travestirsi.

Ora ci si chiede chi sia stato, e per quale motivo, a sottrarre alla salma del cantante la protesi al naso.

Tom Payne, autore del saggio “Fame: From the Bronze Age to Britney” (Fama: dall’età del bronzo a Britney), in cui sostiene che i fans “cannibalizzino” le star da loro amate donando loro l’immortalità, ha dichiarato che non si stupirebbe di vedere a breve il naso di Michael Jackson messo all’asta su ebay.

Immagine tratta da: http://www.myluxury.it

Approfondimenti