vantaggi della lavastoviglie


Insieme al frigorifero e alla lavatrice ha cambiato lo stile di vita delle persone. L’invenzione risale alla fine del 1800 in America; in Europa le prime lavastoviglie arrivarono nel 1929, prodotte dalla tedesca Miele, oggi uno dei marchi di spicco nel settore elettrodomestici.

Nonostante il suo aiuto prezioso, nelle case italiane non è così diffusa come si potrebbe pensare: è utilizzata infatti dal 34% della popolazione. 15 milioni di famiglie italiane ne fanno ancora a meno, convinti che consumi troppa acqua.
In realtà  i programmi di lavaggio consumano molta meno acqua del lavaggio manuale; si calcola che se tutte le famiglie del nostro paese la usassero se ne risparmierebbero ben 280 miliardi di litri.

In commercio si trovano macchine “intelligenti”, tecnologicamente evolute, capaci di determinare temperature e quantità  d’acqua necessaria. Sono dotate di numerosi programmi, a seconda del tipo di stoviglie (anche le più delicate) e di sporco. Fra questi ci sono anche i cicli di lavaggio economici, brevi e a temperature ridotte, che permettono un notevole risparmio di tempo e di consumi (elettricità , detersivo e acqua) da utilizzare quando i piatti non sono troppo sporchi.

Basti pensare che nel giro di pochi anni si è passati, in media, da 45 a 12 litri d’acqua per un ciclo di lavaggio. Le lavastoviglie di ultima generazione consumano, per il ciclo più lungo, tra 1,4 e 1,8 kWh rispetto ai 2,5 kWh delle lavastoviglie tradizionali. I consumi risultano ridotti drasticamente quando si utilizzano i cicli rapidi (circa 0,7 kWh). Per un lavaggio completo i modelli più recenti hanno bisogno di 20 g di detersivo rispetto ai 40 g di quelli più vecchi.

Sussiste anche una certa diffidenza nei confronti dell’apparecchio nel riuscire a pulire bene incrostazioni e unto delle pentole, in realtà  gli ultimi modelli assicurano la massima igiene.
Una lavastoviglie può lavare con temperature fino a 65°-70°C, impensabili nel lavaggio a mano, ed è in grado di eliminare la totalità  dei batteri presenti sulle stoviglie, a differenza delle spugne tradizionali, che se non perfettamente pulite rappresentano un ottimo terreno per la proliferazione di germi. Alcuni modelli di lavastoviglie hanno poi anche specifici programmi o opzioni antibatterici che svolgono un’azione sanificatrice.

E’ necessario scegliere il modello in base alle proprie necessità , se è troppo grande infatti si rischia di utilizzarla semivuota, mentre con una troppo piccola dovremo eseguire più lavaggi (con conseguente spreco di acqua ed energia). L’offerta a questo proposito è ampia: si va da lavastoviglie per 6 coperti a modelli che ne lavano fino a 15, in grado, quindi, di caricare, oltre a molti piatti e bicchieri, anche un buon numero di pentole.

È importante prima dell’acquisto consultare l’etichetta energetica che indica quanta elettricità  consuma la macchina. Il consumo è espresso in kWh per un determinato ciclo di lavaggio.
Preferire i modelli di ultima generazione che danno risultati migliori con un minore dispendio di energia elettrica, di acqua e di detersivo. Verificare la presenza del marchio di qualità  Imq (o di un altro marchio riconosciuto a livello europeo).

Per un corretto utilizzo della macchina ricordate di togliere gli eventuali residui di cibo per non intasare il filtro (ma è inutile pre-lavare i piatti sotto al rubinetto), scegliere programmi economici in caso di stoviglie poco sporche, utilizzare l’apparecchio solo a pieno carico, dosare adeguatamente il detersivo, pulire spesso il filtro e usare regolarmente il sale (specifico).

Approfondimenti