I simboli del Natale


I simboli del Natale: il vischio, il pungitopo, il ginepro, le arance, il melograno, il cero

Ormai il Natale è davvero alle porte con tutti i suoi simboli e le sue tradizioni consolidate nel tempo, tanto che nessuno fa più caso al significato di alcuni gesti spesso ripetuti automaticamente sotto le feste o alla presenza, data per scontata, di svariati oggetti nelle nostre case.

È per esempio il caso del vischio, immancabile in ogni abitazione nel periodo natalizio come segno beneaugurante per chi vi si bacia sotto, ma che ha origine antichissime tanto è vero che ne parlava già Virgilio nell’Eneide. Per le sue virtù magiche era considerata una pianta divina e miracolosa al punto che era permesso raccoglierla solo ai sacerdoti, utilizzando esclusivamente una falce d’oro. Oggi è un simbolo di pace che protegge perché incarna lo spirito vitale.

Che dire poi dell’agrifoglio e del pungitopo entrambe considerate portatrici di fortuna con le loro foglie dure e piene di spine che figurano la forza e la prevenzione contro tutti i mali. Le foglie spinose secondo una leggenda rievocano le spine della corona di Cristo e le bacche il suo sangue.

C’è poi il ginepro, legno sacro, perché la tradizione vuole che la croce su cui si sacrificò Gesù fosse fatta con questo tipo di albero. Per questo motivo il ginepro è considerata una pianta che purifica dai peccati.

Non è Natale poi senza un cesto di arance in mezzo alla tavola; frutti invernali per eccellenza, portano con sé il calore del sole raffigurando speranza e splendore.

A volte accanto all’arancia si può trovare il melograno, non è un fatto strano, poiché questo frutto rappresenta la rigenerazione della natura, spesso nei dipinti, Gesù viene raffigurato con un melograno in mano che, in questo caso, diventa simbolo di resurrezione. In molte famiglie non può mancare, durante la vigilia o il giorno stesso di Natale, un cero posto di solito sul desco.

Il cero natalizio simboleggia la nascita di Cristo che con il suo avvento portò la luce tra gli uomini.

Leggi anche “I simboli del Natale: seconda parte”

Approfondimenti