Eiji Kagashima

Eiji Kagashima

 

Giappone-Grecia 0-0: storico punto per gli ellenici

All’Arena Das Dunas di Natal arriva il terzo 0-0 del Mondiale 2014, quarto pareggio complessivo su 23 partite, un numero che comincia a farsi significativo. A dividersi la posta sono Giappone e Grecia, che rimangono quindi in corsa per un posto agli ottavi come seconda del Gruppo C. Contestualmente, arriva il nome della terza squadra qualificata agli ottavi, dopo Olanda e Cile: è la Colombia, grazie alla vittoria nel pomeriggio sulla Costa d’Avorio, che mantiene il secondo posto solitario a quota tre punti. Ma basta vedere gli opposti stati d’animo delle due squadre al 90′ per capire che sono i greci ad avvicinarsi all’ultima giornata con qualche speranza in più: merito del calendario, che permetterà alla squadra di Santos di giocarsi il tutto per tutto contro la Costa d’Avorio. Per il Giappone invece ci sarà la già qualificata Colombia, e una differenza reti favorevole rispetto alla Grecia.

 

Per gli ellenici comunque si tratta di una piccola impresa: si tratta infatti del primo punto al Mondiale dopo una serie di sei sconfitte consecutive, ottenuto peraltro dopo aver giocato in 10 uomini tutto il secondo tempo per l’espulsione del capitano Katsouranis per doppia ammonizione a fine primo tempo. Delusione invece per il Giappone: ancora non convincenti le scelte di Zaccheroni, sia per la formazione iniziale che a gara in corso. Ma il tecnico italiano continua a pagare anche l’assenza di uomini d’area all’altezza del palcoscenico mondiale. Nel primo tempo c’è più Giappone che Grecia, anche prima dell’espulsione. Santos infatti prepara una partita difensiva. Tutti indietro, rubare palla e fiondarsi in contropiede con un elastico 4-5-1: questa la missione dei greci, che fanno densità tra centrocampo e area, concedendo poco o nulla agli avversari.

 

Due conclusioni dalla distanza di Okubo, molto mobile e attivo nella posizione di trequartista centrale, e una punizione di Honda, respinta da Karnezis, è tutta la resa offensiva del Giappone nella prima frazione, in cui i giapponesi hanno mostrato uno sterile possesso palla. Frazione che si è paradossalmente complicata dopo il rosso a Karagounis. Santos infatti ha disegnato un 4-4-1 molto solido, ma a moltiplicarsi sono state le energie mentali dei giocatori greci, capaci di sfiorare il vantaggio a fine tempo con un’incursione di Torosidis, respinta da Kawashima. Il Giappone ha prodotto lo sforzo maggiore nel primo quarto di ripresa, in coincidenza con l’ingresso di Kagawa, ma Okubo prima, su assist dalla di Uchida, e lo stesso terzino poi hanno mancato il bersaglio a pochi passi dalla porta. Cala il sipario sulle energie della squadra di Zaccheroni, che nel finale ringrazia Kawashima, provvidenziale su un colpo di testa di Gekas. Ora sei giorni per recuperare le forze, ma per entrambe il viaggio di ritorno non è lontano.

 

Giappone-Grecia 0-0: pagelle e tabellino

Giappone: Kawashima 6.5; Uchida 7, Yoshida 6.5, Konno 6, Nagatomo 6; Yamaguchi 5.5, Hasebe 5.5 (46′ Endo 6); Okazaki 5.5, Honda 5, Okubo 6 (58′ Kagawa 5.5); Osako 5.5. C.t.: A. Zaccheroni 5.
Grecia: Karnezis 6.5; Torosidis 6.5, Manolas 7, Papastathopoulos 5.5, Holebas 6; Maniatis 6.5, Katsouranis 3, Kone 6.5 (75′ Salpingidis sv); Fetfatzidis 5.5 (43′ Karagounis 6.5), Mitroglou 5.5 (30′ Gekas 6), Samaras 5.5. C.t.: F. Santos 6.5.
Arbitro: Aguilar (El Salvador) 6
Ammoniti: Hasebe, Karagounis,
Espulso: Katsouranis al 35′ per doppia ammonizione

SPECIALE MONDIALI BRASILE 2014 SU SDAMY

Segui su sdamy i Mondiali calcio Brasile 2014, queste le varie sezioni:

Approfondimenti