Keplero, la prima missione alla ricerca di pianeti simili alla Terra


E’ partita Keplero, la prima missione alla ricerca di pianeti simili alla Terra

La Nasa ha dato avvio questa notte, alle 4.49 ora italiana, alla missione del telescopio americano Keplero, che, partito a bordo del razzo Delta II dalla base di Cape Canaveral, in Florida, è stato dopo 62 minuti lanciato in orbita.

La sonda, che prende il nome dall’astronomo tedesco che quattro secoli fa formulò le leggi sul movimento dei pianeti, percorrerà il campo stellare ed individuerà nell’arco di tre anni l’esistenza di eventuali esopianeti, ovvero pianeti che, pur essendo esterni al sistema solare, rivelino caratteristiche simili a quelle del pianeta Terra.

Piu in particolare, Keplero si spingerà fino a 3mila anni luce, raggiungendo un settore della Via lattea popolato da più di 4 milioni di stelle, quello compreso tra la costellazione del Cigno e quella della Lira.

La sonda scandaglierà questa fascia di cielo andando alla ricerca di pianeti rocciosi grandi come la Terra, né troppo caldi né troppo freddi, dove sia riscontrabile la presenza di acqua in forma liquida. Come Ed Weiler, responsabile delle missioni scientifiche della Nasa, ha spiegato, si tratta di una missione che cercherà di risolvere gli interrogativi sull’esistenza di altri pianeti come il nostro, e che, a differenza degli oltre 300 pianeti fino ad ora scoperti,
possono rientrare nella “fascia di vivibilità“, cioè possono ospitare forme di vita.

Secondo alcuni astronomi, il telescopio Keplero potrebbe scoprire almeno un centinaio di pianeti di questo tipo.

I primi dati forniti dalla
missione che è costata alla NASA 570 milioni di dollari sono attesi per dicembre 2009.

Immagine tratta da: http://www.tgcom.mediaset.it

Video lencio Keplero Cape Canaveral






Approfondimenti