Shevchenko attaccante del Milan
Shevchenko attaccante del Milan


Prosegue l’avventura in Uefa per tre delle quattro squadre italiane, il Napoli, infatti, deve abbandonare l’Europa perché sconfitto dal Benfica per 2-0, non è bastato il 3-2 dell’andata al San Paolo.

Primo tempo vivace del Napoli, che sfiora la rete più volte con Vitale e Lavezzi, e colpisce anche un palo al 45′ con Paolo Cannavaro. Nella ripresa la partita si anima, vengono ammoniti sei giocatori, e al 57′ Reyes porta in vantaggio i portoghesi grazie a un gran sinistro sul quale Giannello non può nulla. All’83’è, invece, l’ex viola Nuno Gomes a chiudere la partita con un colpo di testa. Lite, nel finale, tra Reja e Lavezzi, al momento della sostituzione con Denis, immagine simbolo che sancisce l’addio a Lisbona e all’Europa.

Tutto liscio, invece, per la Sampdoria di Mazzarri che si impone per 2-1 anche sul campo del Kaunas, dopo il 5-0 di Genova. Parte bene il Kaunas, che va in vantaggio al 17′ grazie al gol di Zelmikas, ma reagisce subito la Samp, complice anche la bella partita di Fornaroli, che pareggia da perfetto rapinatore d’area al 49’e, poi, offre l’assist a Bonazzoli per il 2-1 finale. Note positive anche dal rientro in campo dopo il lungo infortunio di Claudio Bellucci.

Vince anche il Milan che supera in scioltezza gli svizzeri dello Zurigo per 1-0. Dopo un bel primo tempo in cui Seedorf colpisce un palo, al 70′ arriva finalmente il gol dell’ucraino Shevchenko, che non segnava con la maglia rossonera da due anni, con un sinistro da dentro l’area, su un bell’assist di Ronaldinho.

Partita emozionante fino all’ultimo, invece, allo stadio Friuli, tra Udinese e Borussia Dortmund.

I Friuliani, sicuri del vantaggio per 2-0 ottenuto in Germania, hanno lasciato troppo spazio ai tedeschi, che sul finire del primo tempo sono andati in vantaggio con Hajnal. Nella ripresa Di Natale e compagni sembrano, comunque, amministrare, ma, inaspettatamente, nei minuti di recupero lo stesso Hajnal raddoppia, mandando i friulani ai supplementari e, successivamente, ai rigori. È qui che sale in cattedra il portiere dell’Udinese, Handanovic, che para due rigori, uno proprio ad Hajnal, portando la squadra friulana ai gironi.

Approfondimenti