Mattonelle decoro classico

Mattonelle decoro classico

Nel caso in cui ci succedesse di rovinare o rompere mattonelle, in ceramica o di altro materiale, dei pavimenti della nostra casa, possiamo decidere di rivolgerci ad un muratore o adottare dei rimedi “fai da te”.
L’intervento di un muratore è preferibile se a dover essere sostituiti sono mattonelle di marmo o graniglia: sostituire da soli questo tipo di mattonelle potrebbe infatti causare la rottura di altre.
In tutti gli altri casi, possiamo intervenire da soli, ottenendo ottimi risultati senza alcuna spesa.
Se è infatti vero che, se a rompersi è un’unica mattonella, un’opera di sostituzione è necessaria per prevenire la degradazione del muro sottostante, ricorrere all’intervento di un operaio specializzato comporterebbe una spesa eccessiva.
Ecco allora alcuni metodi per risolvere il problema con facilità.

Come sostituire le mattonelle o piastrelle rotte di un pavimento: consigli utili

Prima di iniziare il lavoro, è opportuno procurarsi una piastrella di riserva, avente lo steso colore e forma di quella da sostituire.
E’ altrettanto importante verificare che al di sotto della piastrella non ci sia la tubazione dell’impianto di carico.
Accertiamoci di aver posto le necessarie protezioni per evitare che la vasca e il lavabo vengano sporcati dai detriti prodotti durante l’intervento: copriamoli quindi con degli stracci o della segatura impastata con il gesso.
Dopo aver indossato degli occhiali protettivi per evitare di ferirsi agli occhi, possiamo iniziare con la sostituzione della mattonella rotta.

Come sostituire le mattonelle o piastrelle rotte di un pavimento: il procedimento passo passo

Per prima cosa dobbiamo fare tre o quattro fori nel centro della piastrella con un trapano.
Asportiamo ora la piastrella: con l’aiuto di un cacciavite, stacchiamo i pezzi della mattonella ancora aderenti al pavimento, partendo dal centro e procedendo verso i bordi.
Ancora più indicata, per evitare di danneggiare in questa fase le vicine a quella rotta, è una smerigliatrice elettrica angolare di circa 110 mm, sulla quale montare un dischetto in acciaio smerigliato.
La smerigliatrice servirà ad incidere il cemento posto fra la piastrella da togliere e quella che rimane nel pavimento.
E’ molto importante fare attenzione a non affondare troppo la lama della smerigliatrice, dal momento che nel sottofondo dei pavimenti possono correre le tubazioni dell’acqua e del riscaldamento.
Quando avremo staccato tutti i pezzi della piastrella, raschieremo le tracce della vecchia colla.
E’ ora il momento di mettere a nudo il supporto sottostante: quando sarà asciutto, stendiamo della colla da piastrellista sul tratto di muro interessato o applichiamo del silicone sul retro della nuova piastrella.
Per spalmare la colla possiamo usare una cazzuolina a punta o una spatolina.
Applichiamo ora la piastrella, facendola aderire bene al muro con l’aiuto di un listello di legno.
Dopo aver controllato con un’asta che ci sia la giusta aderenza tra le mattonelle, lasciamo riposare 30 minuti circa.
Quando la colla si sarà asciugata, riempiamo le fessure con il mastice per porcellana ed asciughiamo con una spugna.