Pane fatto in casa

Fare del pane fragrante e genuino in casa non è difficile: è sufficiente saper scegliere con cura gli ingredienti e seguire alcuni importanti accorgimenti durante la preparazione.

Come fare il pane in casa: la scelta degli ingredienti

Per quanto riguarda la farina, è consigliabile scegliere uno sfarinato di grano duro: l’alta percentuale di cenere darà al pane fatto in casa un aspetto , come quello del pane casareccio che si faceva anticamente.
E’ importante inoltre sapere che la farina utilizzata dovrà avere un elevata capacità di assorbire acqua e dovrà avere un alto contenuto proteico.
Ecco perché la farina migliore è quella professionale, che possiamo acquistare dal nostro fornaio di fiducia.
In alternativa, possiamo utilizzare della farina speciale per pane, reperibile nei supermercati, o della farina di grano duro, che ha un tenore di proteine pari o superiore all’11%.

Anche la scelta del lievito è fondamentale: quello più indicato per panificare è il lievito di birra in panetti fresco, con una data di scadenza di 20 giorni successiva a quella dell’acquisto e utilizzo.
L’acqua dovrà essere con un residuo fisso non molto basso: in tal caso mancherebbe infatti la giusta quantità di sali minerali necessari per la lievitazione.
E’ fondamentale anche controllare la temperatura dell’acqua: deve essere di circa 27 gradi, e in ogni caso né troppo fredda né troppo calda.

Come fare il pane in casa: ingredienti e preparazione

Ingredienti per fare il pane in casa:

  • 500 gr. di farina di grano duro
  • 15 gr. di lievito di birra in panetti
  • 300 gr. d’acqua a temperatura ambiente
  • mezzo cucchiaino di salePreparazione

Dopo aver sciolto il lievito di birra nell’acqua, versiamo la farina in una ciotola abbastanza capiente, facendo un buco nel centro.
Impastiamo con l’ aiuto di un cucchiaio di legno per circa 15-20 minuti, aggiungendo della farina se l’impasto è troppo molle o dell’acqua se è troppo secco e asciutto.
Quando avremo ottenuto un impasto abbastanza omogeneo, e al tempo stesso elastico e malleabile , regoliamo di sale e ricopriamo il recipiente con un panno umido. Lasciamo riposare per almeno 3 ore, al termine delle quali l’impasto sarà lievitato.

E’ importante sapere che, per ottenere una corretta lievitazione, è necessario ricreare una temperatura di 25 gradi, con un tasso di umidità di circa 80-90%. Possiamo ad esempio lasciar riposare l’impasto vicino a un termosifone o possiamo coprire il recipiente in cui riposa con un panno inumidito con acqua tiepida.
Puo’ essere molto utile anche riporre l’impasto all’interno del forno, coprendo il recipiente con un canovaccio asciutto e mettendo accanto un pentolino contenente un litro di acqua tiepida.
Con l’aiuto di un termometro da cucina possiamo via via verificare la temperatura e regolarla aggiustando la quantità e la temperatura dell’acqua nel pentolino.
Stendiamo ora l’impasto su una spianatoia e lavoriamolo dandogli la forma da noi desiderata. L’ideale sarebbe ottenere una forma rettangolare allargando delicatamente l’impasto con le mani.
Lasciamo quindi riposare per altri tre quarti d’ora circa ed inforniamo a 200° per circa mezz’ora.

Video, fare il pane in casa

video