Cellulari, smarphone-iphone by China


È scoppiata la cinese, che non è l’influenza di quest’anno ma la “moda” di acquistare prodtti di elettronica di consumo dalla cina, in primis ovviamente i telefoni cellulari. Forse è meglio dire che sta scoppiando, infatti se si vi fate una navigata in internet inserendo in un motore di ricerca la parola “chinafonino” appariranno una miriade di link a siti e-shopping e forum in merito all’argomento, per non parlare dell’immancabile e-bay dove qualcuno da un po’ si sta dando da fare nel commercio di tali prodotti.

Il motivo? Beh, innanzitutto sappiamo che in Italia siamo “affamati” di telefoni cellulari, dei modelli all’ultimo grido che fungono da telefono, agenda, macchina fotografica, lettore mp3….e chi più ne ha più ne metta, non per niente anche per il natale 2007 sono stati tra gli oggetti più acquistati/regalati e probabilmente sarà così anche quest’anno. Perché dalla cina per due motivi, le caratteristiche ed il costo, quindi il rapporto costo/funzioni. I telefoni cinesi, molto spesso copie estetiche dei più blasonati colleghi “di marca” offrono caratteristiche di cui i cellulari attualmente in commercio non sono dotati, oppure ne presentano alcune e non altre ma non combinate assieme, e se le hanno i loro costi sono davvero esorbitanti, alla fine sempre lì si va a parare, sugli € che dobbiamo sborsare.

Alcuni dei produttori cinesi sono gli stessi che producono telefoni anche per per i nomi noti, almeno questo è ciò che affermano sui loro siti o se contattati via e-mail. Per quanto mi riguarda posso dire di averne toccati con mano un paio, ma non utilizzati, non voglio fare nomi o sigle, vi rimando alla ricerca che ho menzionato prima. Sembrano davvero ben fatti, niente scricchiolii o imperfezioni nell’assemblaggio, display touch-screen da 3″, fotocamera da 3 Mp (ma attenzione, alta risoluzione non corrisponde per forza ad alta qualità), doppio bluetooth, ricezione tv, una delle chicche che sembra attrarre molti compratori e soprattutto utilizzo di due sim contemporaneamente.

Sulla tastiera sono presenti 2 tasti (1-2) associati alle sim inserite, è possibile ricevere da entrambe e chiamare/inviare sms scegliendo quale delle due impiegare. Questa sembra essere la funzione più interessante considerato che attualmente sul mercato sembra esserci solamente un samsung con tale caratteristica al costo di circa 180€ e prossimamente dovrebbe arrivare un nokia. Nel fattempo sono proliferati sistemi alternativi tipo schedine elettroniche, baterie o cover che alloggiano due sim, quelli di ultima generazione sembra consentano di passare dall’utilizzo di una sim all’altra ma se non vado errato nessuno di questi permette che siano attive contemporaneamente.

I cellulari che ho avuto modo di vedere, e che un amico sta utilizzando con soddisfazione da circa un mese sono costati meno di 150€ su e-bay arrivando però dalla Gran Bretagna. Purtroppo abbiamo trovato una pecca: nella scrittura facilitata (il T9 per intenderci) manca proprio il dizionario italiano, oltre al fatto che le traduzioni dei menù e sottomenù non sono proprio il massimo della grammatica. Siamo comunque risaliti al produttore del telefono che si è reso disponibile all’aggiornamento (che probabilmente inserirà di default) facendoci però presente che per noi sarebbe stato economicamente sconveniente inviare e fare ritornare il telefono a cusa delle spese di spedizione. Ci hanno quindi offerto un telefono già aggiornato con la lingua italiana; lo scambio di e-mail è avvenuto nel giro di una giornata, un servizio che difficilmente si ottiene anche da aziende nazionali, che il più delle volte se contattate direttamente e non tramite servizio assistenza nemmeno rispondono.

Insomma, questi cinesi fanno davvero paura, tenete presente però che ci sono sempre due incognite, una che alla dogana aggiungano una tassa (che pare essere di circa 15€ quindi nemmeno tanto…), l’altra gli eventuali
problemi di natura tecnica ed il bisogno di assistenza. Sembra che questi due fattori non stiano scoraggiando gli acquirenti italiano, che oltretutto sui siti cinesi potranno trovare una miriade di prodotti mai visti fono ad ora sul nostro mercato.

Approfondimenti