Il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi proporrà al vertice del G8 un sistema di regolamentazioni per internet.

Berlusconi Obama


 

Durante la visita al Polo tecnologico di Poste Italiane, il Presidente del Consiglio Berlusconi ha dichiarato di avere intenzione di proporre, nel corso del vertice del prossimo G8, che si terrà a gennaio, un sistema di regole comuni a tutti i paesi del mondo per la Rete.

Come Berlusconi ha fatto notare nel suo intervento, “Il G8 ha già come compito proprio quello della regolazione dei mercati finanziari, per internet manca una valorizzazione internazionale.”

La decisione di presentare la questione al consiglio dei leader, che quest’anno sarà presieduto proprio dall’Italia, deriva dalla coscienza
dell’importanza di una tecnologia come internet per il futuro mondiale.

Come il premier ha dichiarato,«Porteremo sul tavolo una proposta internazionale, essendo internet un forum aperto a tutto il mondo», aggiungendo poi: «Serve una prospettiva internazionale, in cui l’Italia possa essere all’avanguardia».

Una proposta internazionale uniforme, quindi, per un forum come Internet, che è aperto e accessibile a tutto il mondo.

La prospettiva di un intervento berlusconiano anche nel campo del web ha mosso reazioni accese non solo tra i blogger, che hanno promosso una campagna di mobilitazione anti-riforma web con più di 23 mila adesioni, ma anche tra gli esponenti politici.

Tra questi, Paolo Cento, esponente dei Verdi, si è dichiarato preoccupato riguardo a un’eventuale ” limitazione della libertà di espressione di chi usa internet per comunicare“, facendo anche notare come sarebbe più opportuno dirigere l’attenzione dei leader che saranno presenti al prossimo G8 sulla necessità di “rendere internet completamente libero, gratuito ed accessibile in ogni parte del globo, eliminando il “digital divide” delle economie più povere».

Immagine tratta da:

http://www.myluxury.it/

Approfondimenti