Arisa: una voce, mille ruoli

Cantante, giudice, attrice, scrittrice ed ora pure doppiatrice. C’è decisamente poco spazio per annoiarsi nella vita di Rosalba Pippa, per tutti Arisa. La popolare cantante lucana si è ormai messa definitivamente alle spalle la timidezza degli esordi. Fa infatti sorridere ripensare oggi alla ragazza spaurita e tutta occhialoni che incantava la platea sanremese con “Sincerità”, accompagnata da un maestro del calibro del compianto Lelio Luttazzi. Da quel giorno di quattro anni e mezzo fa è rimasta solo una caratteristica: la voce, inconfondibile, pressoché perfetta ed adatta ad ogni tipo di brano, come dimostrato dalla magistrale interpretazione de “La Notte” nell’ultima edizione del Festival.

Arisa vs Ventura. X Factor è cominciato

Quella stessa voce che Rosalba usa con puntualità nel suo mestiere di giudice ad X Factor: giovedì scorso Sky Uno ha trasmesso la prima delle quattro puntate di audizioni che hanno aperto la sesta edizione ed Arisa non si è risparmiata qualche puntualizzazione al vetriolo con Simona Ventura. Insomma, non le manca neppure il carattere e c’è da scommetterci che dopo il terzo posto della scorsa edizione con Antonella Lo Coco “Ari” quest’anno cercherà la vittoria fino all’ultimo. E proprio la voce è alla base dell’ultima trovata di Arisa: quella di prestare il proprio timbro a “A Monster in Paris”, film d’animazione francese prodotto da Luc Besson, presentato in anteprima al Giffoni Film Festival lo scorso agosto. La storia è quella di un mostro, creato per sbaglio da due giovani che, insieme ad un’amica, cercano di salvare la creatura dall’intervento del cattivo della situazione, Maynott.

“Com’è bello doppiare!”

In Italia (tra i doppiatori anche Enzo Decaro) è arrivato venerdì 17 agosto: è proprio Arisa a “far parlare” la protagonista femminile, Lucille. Che, manco a dirlo, di professione fa la cantante: “Lucille è un personaggio delicato e divertente, ma allo stesso tempo anche deciso, nel quale mi sono identificata” ha detto Arisa. Ed in effetti il mix tra dolcezza e fermezza di carattere, simpatia e durezza sembra proprio descrivere al meglio il personaggio di Arisa che nel grande schermo c’era già stata ma come attrice in “La peggior settimana della mia vita“ nel 2011. Una piccola parte che però non l’aveva soddisfatta appieno: “Questa è stata la mia prima prova come doppiatrice ed ho scoperto che mi piace più che recitare perché non devo preoccuparmi di come appaio”. Un problema che però appartiene ormai al passato. Al tempo degli occhialoni: quando Arisa sembrava solo una macchietta. Ora tutto è cambiato. Per referenze chiedere ai cantanti che si sono alternati nei casting di X Factor 6. Tanti ruoli, una sola faccia: Arisa la belva è già tornata a colpire.