Mondiali Sudafrica 2010


Risultato tra Argentina e Messico 3-1

Formazioni in campo Argentina-Messico

ARGENTINA (4-3-1-2): Romero; Otamendi, Demichelis, Burdisso, Heinze; Mascherano, Rodriguez (86’ Pastore), Di Maria (78’ Gutierrez); Messi; Tevez (68’ Veron), Higuain. All: Maradona

MESSICO (4-1-4-1): Perez; Juarez, Osorio, Rodriguez, Salcido; Marquez; Torrado, Dos Santos, Bautista (46’ Barrera), Guardado (61’ Franco); Hernandez. All: Aguirre

Tabellino Argentina-Messico

MARCATORI: 26’ Tevez, 33’ Higuain, 52’ Tevez, 70’ Hernandez

ARBITRO: Roberto Rosetti (Italia)

AMMONITI: Marquez (M)

Cronaca Argentina – Messico Ottavi Mondiali 2010

La giornata degli orrori arbitrali è proseguita in serata con l’altro atteso ottavo di finale tra Argentina e Messico: gli uomini di Maradona si sono imposti per 3-1, ma il risultato è nettamente bugiardo e figlio di una svista clamorosa della terna arbitrale italiana, in particolare del guardialinee Ayroldi, il quale non si è accorto di un fuorigioco solare di Tevez nel momento del primo gol. Da lì è cominciata un’altra partita e gli argentini hanno potuto gestire il risultato a loro piacimento, con i centroamericani nervosi e distratti e i fenomeni della Seleccion in gran spolvero. Le due squadre si sono presentate in campo con qualche accorgimento tattico: Maradona ha puntato su Burdisso al posto dell’infortunato Samuel, preferendo ancora una volta Di Maria all’esperto Veron e affidando le chiavi dell’attacco a Higuain e Tevez; nel Messico invece grandi sconvolgimenti, con Franco che rimane inizialmente fuori per lasciare spazio al giovane Hernandez. El Tri deve giocare una partita perfetta per sperare di vincere e il primo quarto d’ora conferma il suo ottimo stato di forma: al 9’ Salcido fa tremare prepotentemente la traversa con un gran tiro da fuori, poi Guardado inventa un esterno sinistro che accarezza il palo, facendo impallidire Romero. Gol sbagliato, gol subito, ma stavolta l’arbitro ci mette lo zampino: al 25’ Messi lancia in profondità Tevez, l’attaccante viene anticipato da Perez e il pallone torna ancora a Messi. Il blaugrana serve ancora una volta Tevez che a porta vuota realizza di testa, ma il centravanti si trovava oltre la linea difensiva di almeno un metro. In campo c’è confusione, Rosetti e il suo assistente si consultano, ma alla fine optano per il gol, nonostante l’errore evidente. Il raddoppio argentino è forse il frutto di questa confusione: Osorio imposta la giocata, il pallone si sposta pianissimo e viene conquistato da Higuain che dribbla perfettamente il portiere avversario e chiude il primo tempo su un comodo 2-0.

Il Messico è frastornato, ma mai domo e continua a impensierire dalla distanza la difesa argentina, con Salcido gran protagonista. Al 52’, però, Tevez inventa un gol spettacolare, la coordinazione è perfetta e il pallone si insacca con forza sotto gli incroci per il 3-0 che chiude la partita. Ma i messicani meritano almeno un gol per quanto fatto vedere e infatti al 72’ Hernandez fa esplodere un sinistro che fulmina Romero e fissa il punteggio sull’1-3. Il finale è soltanto una passerella per i campioni argentini, aiutati dalla sorte e dall’arbitraggio, ma comunque in grado di mettere in mostra dei colpi davvero fenomenali. I sudamericani approdano ai quarti e troveranno ora la Germania, in una gustosa rivincita di quattro anni fa. Il Messico si lamenta giustamente, ma rimane l’ottimo calcio di questa formazione giovane che non può che avere un futuro roseo con queste individualità.

Vedi anche i Risultati Mondiali SudAfrica 2010

Leggi anche la Classifica Mondiali SudAfrica 2010

Leggi anche Giocatori Mondiali SudAfrica 2010

Approfondimenti