Coltivazione Grano

Quando scopri di essere celiaco, quando scopri di essere intollerante al glutine, la tua vita subisce uno scossone. Il glutine è infatti presente in avena, frumento, farro, grano khorasan (da tutti noi conosciuto come Kamut), orzo, segale, spelta e triticale. Pensi: oddio, è dovunque! E adesso? Come faccio? Cosa mangio? E se voglio mangiar fuori? Viaggiare?

Dopo lo scossone iniziale la tua vita si riassesta e scopri che, tutto sommato, ce la fai, puoi mangiare – in maniera diversa, ovvio – e, cosa che lì per lì, non credevi più possibile, puoi spostarti di casa e viaggiare, arrivando anche dall’altra del mondo.
Il “mondo senza glutine” che ti si apre davanti è, infatti, un mondo complesso e articolato che comprende anche realtà imprenditoriali interessanti di cui prima ignoravi l’esistenza.

Tra queste, ottimi ristoranti per celiaci, ottime pasticcerie e giovani tour operator specializzati nel proporre itinerari di viaggio gluten-free in ogni parte del mondo, assicurandosi che gli hotel, i villaggi turistici, i resort e le altre tipologie di strutture alberghiere incluse nei pacchetti vacanze da loro proposti garantiscano sia la preparazione di piatti senza glutine, sia il loro impegno per l’adozione di standard corretti durante l’intero processo di preparazione e somministrazione dei pasti.

turismo-celiaci

Vacanze Senza Glutine nasce dall’idea di Irene, dinamica professionista in ambito turistico, celiaca lei stessa, che ha deciso di dar voce alle richieste di chi, come lei, desidera viaggiare, ma che, per farlo, per stare bene, deve accertarsi di poter mangiare correttamente nel luogo che decide di visitare.

Per questo, Irene e il suo staff hanno messo su una struttura in grado di proporre un’ampia selezione di villaggi vacanze, hotel, tour, crociere e tante altre tipologie di vacanze che garantiscono, oltre a divertimento e relax, una totale sicurezza alimentare in qualsiasi posto del mondo per tutti gli intolleranti al glutine.

La presenza sul mercato di professionisti del settore che, come Vacanze Senza Glutine, si aprono alla celiachia, è un ottimo segnale. Un segnale che ci fa ben sperare che l’attenzione nei confronti di questa intolleranza alimentare permanente – che affligge 1 italiano su 100 – sia in crescita e che, chissà, fra qualche anno, la vita di un celiaco possa essere realmente molto più semplice!