come-scegliere-materasso

come-scegliere-materasso

Fino a qualche anno fa, a partire dagli anni ’50, i materassi erano soltanto di due tipi: a molle e a molle ortopedici. Se torniamo indietro nel tempo, a quando le nostre nonne erano giovani, i materassi erano costituiti da sacchi riempiti di paglia, sostituita successivamente da piume, lana o altri materiali morbidi.

Oggi nel mercato esistono molti tipi di materassi, dalle caratteristiche diverse e adatti a tutte le esigenze.

I materassi, come si sa, durano parecchi anni, ma prima o poi arriva il momento in cui è necessario cambiarli. Ma come si sceglie il materanno giusto?

Video “Materassi: il test di Altroconsumo”

Perchè scegliere il materasso a molle

materasso-molle-indipendenti

Il materasso a molle è quello più usato e conosciuto. E’ costituito appunto da una struttura di molle in posizione verticale, da una imbottitura in lana, lattice, poliuretano, oppure in fibre naturali o anallergiche e da un rivestimento in tessuto, che può essere in lana, cotone o lino.

Innanzitutto, il materasso a molle è il più economico del mercato. Si devono tuttavia tenere presente alcuni aspetti fondamentali, per scegliere un materasso a molle di buona qualità.

E’ preferibile, ad esempio, scegliere un materasso che abbia una quantità di molle maggiore rispetto a uno con poche molle: maggiore è la quantità, minore è la dimensione delle molle, caratteristica che migliora il comfort del materasso.
I materassi a “portata differenziata“, inoltre, sono preferibili per le persone di corporatura robusta che soffrono di dolori muscolari o articolari.
Oggi alcuni materassi, in gergo chiamati “multi-zona”, hanno le molle insacchettate singolarmente e indipendenti, che si muovono autonomamente in base al peso e si modellano meglio con la corporatura.
I materassi a molle, inoltre, sono particolarmente “arieggiati” al loro interno, quindi sono adatti agli ambienti più umidi e chiusi.
Attenzione però anche al rivestimento, che deve essere traspirante per garantire il giusto comfort. I materassi più indicati sono quelli sfoderabili e lavabili, alcuni sono anche antiacaro e antistress, altri vengono addirittura trattati con sistemi antitarmici ed antibatterici.

Perchè scegliere il materasso in lattice

materasso-lattice

Il lattice è una sostanza collosa naturale prodotta da alcune piante e funghi e utilizzata dall’industria mondiale per la produzione di materassi. In realtà, i materassi sono costituiti da “schiuma di lattice”, che è una miscela di lattice e aria tecnologicamente elaborata che permette di ottenere il prodotto finito.
I materassi in lattice sono quindi prodotti in gomma , che grazie alla loro naturale e straordinaria elasticità hanno la caratteristica di modellarsi perfettamente alle curve e alla pressione del corpo, evitando tutti gli stress muscolari e articolari durante il sonno.
Il lattice è inoltre molto resistente alle deformazioni, quindi si caratterizza anche da una durata più lunga, rispetto ai materassi a molle.
Questa sostanza, tuttavia, può dare allergia, quindi non è adatta a chi soffre di questo disturbo che pare sia in sensibile aumento a causa dell’esposizione sempre più frequente a questo tipo di sostanza.

Una delle principali caratteristiche del materasso in lattice, dopo l’elasticità, è l’igiene: la sua struttura è composta infatti di microcellette che impediscono il proliferare di alcuni microorganismo dannosi per la salute, come l’acaro della polvere. E’ quindi il materasso più indicato per chi soffre di allergie agli acari.

Proprio per questo tipo di struttura, tuttavia, il materasso in lattice è più sensibile agli ambienti umidi: per una corretta manutenzione e durata, è fondamentale aerare il locale, girare e ruotare spesso il materasso testa/piedi e sotto/sopra, per impedire la formazione di eventuali muffe, oltre che per mantenere inalterata la sua elasticità.

L’ultima annotazione da tenere presente è la dicitura “lattice naturale” che possiamo trovare al momento dell’acquisto: è bene sapere che questa indicazione è autorizzata solo per quei materassi costituiti almeno per l’85% di lattice di origine naturale.

Perchè scegliere il materasso in Memory Foam

materasso-memory-foam

Il Memory Foam è una novità approdata nel mercato soltanto negli ultimi anni. Si tratta di un materiale realizzato in schiuma visco-elastica termosensibile che si differenzia dal lattice per una caratteristica fondamentale: la totale assenza di elasticità.
Ebbene, nonostante questo, la sensazione che si prova nel stendersi in una materasso in memory foam può essere veramente piacevole: questo grazie alla capacità di questo materiale di conformarsi tramite il calore e il peso del corpo, creando un vero e proprio “stampo” che da la senzazione di essere sospesi in una totale assenza di gravità!
Queste caratteristiche rendono il materasso in memory in grado di migliorare la circolazione sanguigna e favorire la corretta postura della colonna vertebrale. Risulta quindi essere l’ideale per chi soffre di mal di schiena o cervicali.

Per la sua capacità di conformarsi al corpo in base al calore, il memory foam risulta invece poco adatto a chi tende a muoversi spesso durante il sonno, cambiando posizione in modo frequente.

Grazie comunque alle sue caratteristiche innovative, il memory foam è utilizzato anche nella produzione di materassi “ibridi”: esistono infatti materassi in memory a molle o in memory e lattice.

Suggerimenti utili per l’acquisto del materasso

Come detto, i materassi oggi presenti sul mercato sono molti e differenti tra loro per prezzo e caratteristiche.
Oltre alle esigenze fisiche di ognuno si deve anche tenere conto dell’ambiente in cui verrà collocato il nostro nuovo materasso: è bene valutare quindi l’umidità o il calore presenti nelle varie stagioni dell’anno.

Inoltre, è bene considerarne la manutenzione: i materassi in lattice, per esempio, devono essere girati spesso. Un suggerimento utile è quello di acquistare due materassi singoli per un letto matrimoniale, in modo da riuscire a sollevarli e ruotarli con meno fatica e meno stress per la schiena.
La scelta di due materassi singoli, inoltre, è utile anche per garantire un sonno tranquillo: nel materasso a molle matrimoniale, per esempio, si percepiscono molto i movimenti quindi il rigirarsi continuo di chi soffre d’insonnia potrebbe disturbare la persona vicina.
Lo stesso principio vale per i materassi sfoderabili: lavare un singolo è molto più pratico e semplice rispetto alla pulizia di un rivestimento del materasso matrimoniale…