La nuova fiaba di Pinocchio su RaiUno

pinocchio.jpg


Domenica 1 e lunedì 2 novembre in prima serata su RaiUno torna la fiaba di Pinocchio

Andrà in onda stasera su Rai Uno la prima delle due puntate della serie dedicata a una delle fiabe più amate da adulti e bambini: Pinocchio.

Nata da una coproduzione di RaiFiction, LuxVide e Power (Uk), la miniserie è stata girata in lingua inglese.

Dopo la versione diretta da Luigi Comencini 37 anni fa, la Rai propone la fiaba di Collodi diretta da Alberto Sironi.

Alberto Sironi narra Pinocchio in chiave moderna

Il regista ha deciso di narrare la fiaba in una chiave moderna, che la rendesse ben accolta dalle nuove generazioni.

In particolare, la sceneggiatura “è bella, moderna, con un taglio particolare”, spiega Sironi.

La rivisitazione dei personaggi femminili e l’introduzione nella fiaba dell’autore Carlo Collodi

Il regista ha deciso di rivisitare alcuni dei personaggi femminili in modo da apportare “un tono diverso” alla fiaba: la fatina, per esempio, è stata dipinta con l’aggiunta di un tocco di sensualità, mentre il Grillo Parlante, interpretato da Luciana Letizzetto, qui rimane fino alla fine della storia.
La diversità del Pinocchio di Sironi sta anche nella presenza dell’autore nella storia: Collodi è interpretato infatti da Alessandro Gassman.

Al centro della storia il rapporto tra un padre e un figlio

Anche la trama è stata rivisitata, in quanto pone in primo piano “l’infanzia, la crescita, il rapporto tra un padre e un figlio“.
Come hanno spiegano gli autori, la fiaba moderna rappresenta attraverso le vicende narrate non solo un viaggio di iniziazione dall’infanzia all’adolescenza, ma anche le difficoltà legate al ruolo di padre.

E’ per comunicare questo che il personaggio di Geppetto è rispetto alla fiaba originale e alla precedente versione più approfondito nei suoi tratti caratteriali.

L’inizio della storia

A dare avvio alla storia è l’arrivo di Carlo Collodi nella bottega di Geppetto.

Qui nasce in lui l’ispirazione e l’idea di scrivere un nuovo libro che abbia come protagonista un burattino che si trasformerà in bambino grazie all’aiuto della Fata turchina.

La sceneggiatura di Carlo Mazzotta e Ivan Cotroneo

Come sottolinea lo sceneggiatore Carlo Mazzotta, insieme a Ivan Cotroneo sceneggiatore della serie, essa vuole essere “un omaggio inevitabile a Collodie “una parabola sulla funzione del racconto“, ha aggiunto Carlo Mazzotta.

Il cast

Nel cast, accanto ad Alessandro Gassman e Luciana Littizzetto, troviamo: Robbie Kay (Pinocchio), Bob Hoskins (Geppetto), Joss Ackland (Mastrociliegia), Margherita Buy (la Maestra), Violante Placido (Fata Turchina), Thomas Sangster (Lucignolo), Toni Bertorelli (la Volpe), Francesco Pannofino (il Gatto), Maurizio Donadoni (Mangiafuoco), Bianca D’Amato (Elisa) e Wenanty Nosul (l’Editore).

Robbie Kay: ho superato le mie difficoltà ad entrare nel ruolo perché conoscevo già la fiaba di Pinocchio, e poi lui è birichino come me

Un’attenzione particolare merita l’attore che interpreta Pinocchio, Robbie Kay. Per il giovane interprete, che ha solo 14 anni, non si tratta della prima esperienza cinematografica.

“Non parlavo affatto l’italiano ed è stato un po’ difficile entrare nel ruolo”, ha spiegato Robbie. Ad aiutarlo è stato però conoscere già la fiaba. Oltre ad aver letto il libro, l’attore aveva anche visto la versione Disney di Pinocchio.

“Tutti dicono delle bugie, almeno una volta nella vita. Pinocchio ne dice molte di più, non capisce il mondo e quindi mente molto di più ed è birichino come me“, ha aggiunto l’attore.

Immagine tratta da:

http://maestrofrancesco.files.wordpress.com/