Bryans Ruiz

Bryans Ruiz

 

Italia- Costa Rica 0-1: impresa dei ticos, crollo azzurro

Dal tutto, al niente. Travolta dagli elogi dopo il debutto contro l’Inghilterra, l’Italia cade sepolta dalle critiche dopo il bis. Come nelle peggiori tradizioni, anzi molto peggio, gli azzurri vivono sulle spine la seconda partita del Mondiale. A conti fatti la sconfitta contro Costa Rica non fa troppo male, visto che, come in caso di pareggio, basterà non perdere contro l’Uruguay per passare agli ottavi, ma il problema è come presentarsi di fronte a Suarez e Cavani dopo la quasi scena muta contro Campbell e Ruiz. Del ko degli azzurri, comunque storico, colpisce infatti il non gioco, e il pessimo stato atletico, mostrato in un secondo tempo da zero assoluto. Di contro, i ticos passano il turno e eguagliano il miglior risultato della loro storia, gli ottavi di finale raggiunti nel 1990, proprio in Italia. Ma in caso di primo posto si potrebbero schiudere orizzonti ancora più gloriosi.

 

Decide un gol di Ruiz, al 44′ del primo tempo: il colpo di testa dell’attaccante del Psv su cross di Bolaños brucia l’uscita di Buffon e il ritardo di Chiellini. Una rete giunta al termine di una frazione in cui la squadra di Pinto aveva messo in mostra tutte le proprie doti: perfetta organizzazione difensiva, con una linea sempre alta e ben registrata, densità tra le linee per soffocare il possesso palla azzurro, e rapide ripartenze. Era stata però l’Italia a dettare i ritmi, seppur in modo molto più lento rispetto a quanto successo al debutto, perché Thiago Motta non entra in partita, e Candreva è la pallida fotocopia di quello che aveva inchiodato Baines. Dopo una ventina di minuti di studio, con un corner dei ticos e colpo di testa alto di Borges, l’Italia sembrava però aver preso in mano la situazione.

 

Due genialate di prima di Pirlo sorprendono la difesa costaricense e liberano Balotelli, ma Super Mario sbaglia tutto la prima volta, controllo e successivo pallonetto, e poi non impensierisce Navas. Poi il gol, e di fatto la fine della partita dell’Italia. Dopo l’intervallo Prandelli si gioca due cambi in pochi minuti, Cassano e Insigne, ma il passaggio al 4-2-3-1 si rivelerà disastroso. Gli azzurri crollano sul piano del ritmo, ma anche delle idee. Possesso palla del tutto sterile, attaccanti sempre in fuorigioco, mai una superiorità numerica riuscita sulle fasce, e pessimo impatto dei subentranti, Cerci incluso. Alla Costa Rica basta difendersi con ordine, anche senza ripartire. L’Italia del secondo tempo è una delle squadre peggiori del Mondiale. Non può essere vero. Serve una reazione. Ma non solo di cuore.

 

Italia- Costa Rica 0-1: pagelle e tabellino

Marcatore: 44′ Ruiz Italia: Buffon 6; Abate 5, Barzagli 6, Chiellini 5, Darmian 6.5; De Rossi 5; Candreva 4 (46′ Cassano 5), Thiago Motta 4 (46′ Cassano 5), Pirlo 6.5, Marchisio 5.5 (69′ Cerci 5); Balotelli 5. C.t.: C. Prandelli 5. Costa Rica: Navas sv; Gamboa 7, Duarte 7, G. Gonzalez 7.5, Umaña 7, Diaz 6.5 (81′ Brenes sv); Ruiz 7, Borges 7, Tejeda 7 (68′ Cubero 6), Bolaños 7.5; Campbell 6.5 (74′ Ureña sv). C.t.: L. Pinto 7. Arbitro: Osses (Cile) 5.5 Ammoniti: Balotelli e Cubero.

SPECIALE MONDIALI BRASILE 2014 SU SDAMY

Segui su sdamy i Mondiali calcio Brasile 2014, queste le varie sezioni: