Ivica Olic

Ivica Olic

 

Camerun-Croazia 0-4: lo show dopo la rabbia

La Croazia si mette alle spalle polemiche arbitrali e gossippare, travolgendo il Camerun nella seconda partita del Gruppo A, disputata nel “forno” dell’Arena Amazonia di Manaus, teatro del vittorioso debutto dell’Italia contro l’Inghilterra. Tutto facile per la squadra di Nico Kovac, che si rimette quindi in corsa per la qualificazione. Peccato che la goleada serva solo per il morale, visto che per accedere agli ottavi i croati potranno solo battere il Messico, nella sfida-spareggio di Recife di lunedì prossimo, da vivere con un Mario Mandzukic: doppietta al debutto mondiale per il bomber del Bayern Monaco, sempre più uomo mercato. Cala il sipario invece sul Mondiale del Camerun, protagonista dell’ormai consueta figuraccia: deludente contro il Messico, la squadra di Finke è stata travolta senza attenuanti, complice qualche scelta discutibile del tecnico, ma soprattutto un’evidente inadeguatezza tecnica e tattica. Per i Leoni Indomabili sconfitta consecutiva mondiale numero sei, e lunedì ci sarà il Brasile.

 

E pensare che, pur privo dell’infortunato Eto’o, l’approccio del Camerun non era stato negativo, grazie alla mobilità di Aboubakar, preferito a Webo nella sostituzione dello stesso Eto’o. Ma i difensori croati metteranno presto il silenziatore al centravanti del Lorient, così la festa comincia già al 12′: discesa di Srna sulla sinistra, Mandzukic è anticipato da N’Koulou, il pallone arriva a Perisic che rimette al centro per il solissimo Olic, che appoggia in rete. La reazione camerunese è generosa, ma confusa, affidata alle iniziative individuali di Moukandjo e Mbia (costretto a sacrificarsi come terzino), gli unici a darsi da fare, ma senza costrutto. Così Pletikosa non deve compiere alcuna parata, ma nonostante questo la Croazia non forza i ritmi per cercare il raddoppio.

 

A spianare la strada a Modric e compagni ci pensa lo sciagurato Song, che al 40′ rifila un pugno a Mandzukic a palla lontana: colpo di striscio, ma l’intenzione è sufficiente per spingere Proença ad estrarre il rosso diretto. Così dopo l’intervallo la Croazia accelera i tempi per archiviare la pratica: al 3′ gran raddoppio di Perisic, autore di un diagonale destro su assist di Modric, poi entra in scena Mandzukic. Il centravanti del Bayern Monaco impatta di testa un angolo di Pranjic e poi chiude in rete una bella azione confezionata da due subentrati, Kovacic e Eduardo. Abbastanza per spingere Kovac all’ottimismo: la sua squadra si presenterà alla sfida con il Messico da favorita. E pazienza se negli ottavi ci sarà una tra Olanda e Cile.

 

Camerun-Croazia 0-4: pagelle e tabellino

Marcatori: 12′ Olic; 48′ Perisic; 61′, 73′ Mandzukic
Camerun: Itandje 5; Mbia 5.5, Chedjou 5, N’Koulou 4.5, Assou-Ekotto 5; Song 3, Matip 5, Enoh 5.5; Choupo-Moting 5 (75′ Salli sv), Aboubakar 5.5 (70′ Webo 6), Moukandjo 5.5. C.t.: V. Finke 4.
Croazia: Pletikosa sv; Srna 6.5, Corluka 6.5, Lovren 6.5, Pranijc 6; Modric 6.5, Rakitic 7; Perisic 7.5 (78′ Rebic sv), Sammir 6 (71′ Kovacic 6), Olic 7.5 (68′ Eduardo sv); Mandzukic 7.5. C.t.: N. Kovac 7.
Arbitro: Proença (Portogallo) 6.5
Ammoniti: Eduardo.
Espulso: Song al 40′ per gioco violento.

 

SPECIALE MONDIALI BRASILE 2014 SU SDAMY

Segui su sdamy i Mondiali calcio Brasile 2014, queste le varie sezioni: